Dipendenza da gioco: a Trani quasi mille casi. Qualcuno ha perso la casa o è finito fra le mani degli strozzini

Nell’aprile 2014 è stato inaugurato il progetto “Dedalo e Icaro”, il centro a bassa soglia e unità di strada per persone con dipendenza da gioco che gode di un finanziamento triennale dell’ambito di zona 5 Trani-Bisceglie e il cui ente attuatore è la comunità Oasi2, che sin dal 1986 si occupa di cura delle dipendenze e delle persone più deboli.


Abbiamo parlato con il responsabile del servizio, il sociologo Antonio Casarola, per avere una disamina del problema nella città di Trani (il centro opera però anche su utenti di Bisceglie).


Casarola ci ha spiegato che il progetto è distinto secondo tre azioni. La prima azione, mutuata dall’Oasi2, è l’attività di strada, che avviene tramite l’attacchinaggio di manifesti presso gli esercenti (tabaccherie, bar, sala slot, sala scommesse) e la distribuzione di materiale informativo. La seconda azione è lo sportello informativo, nel quale si accolgono e si prendono in carico i ludodipendenti. La terza azione è la prevenzione. «Nei primi mesi di attività, abbiamo svolto una mappatura della situazione nella città, successivamente siamo intervenuti sulle problematicità». I dati del 2015 sono ancora in fase di elaborazione, quelli del 2014 parlavano di 86 attività a Trani e 97 a Bisceglie.


Si calcola che in Italia almeno l’1,5 per cento della popolazione di una città abbia problemi con il gioco: a Trani, dunque, secondo le statistiche, almeno 825 persone (calcolando 55mila abitanti) giocano compulsivamente fino a perdere, in alcuni casi, migliaia di euro, fino ad essere costretti ad indebitarsi, vendere la propria abitazione, ricorrere agli usurai. Sembrano storie fuori dall’ordinario che invece possono investire chiunque. Il pregiudizio secondo il quale chi viva di sussistenza o di aiuti comunali ed appartenga alla classe sociale disagiata sia il primo giocatore è completamente infondato.


Casarola ci dice che «la classe più colpita non sempre è quella più disagiata. A giocare, sono sempre di più la classe medio-bassa od il ceto medio. Donne pensionate, dipendenti pubblici, impiegati, persone il cui gioco ha anche ricadute non indifferenti sulla famiglia. Alcuni uomini, ad esempio, sono stati costretti a lasciare il tetto coniugale, a vendere la casa, ad accollarsi debiti». Abbiamo chiesto al responsabile di “Dedalo e Icaro” come capire se una persona sia affetta da patologia da gioco e come aiutarla. «Dobbiamo porci e porre delle domande: Hai bisogno di giocare una quantità sempre più alta di denaro per stare bene? Sei irritabile quando smetti di giocare? Hai effettuato ripetuti ed infruttuosi tentativi per smettere? Sei spesso preoccupato per i problemi che giocare comporta? Racconti bugie per nascondere che giochi? Continui ad indebitarti per continuare a giocare? Se si risponde sì ad almeno due o tre domande, si è davanti ad un problema. Attenzione, però: il primo interessato a guarire deve essere il ludopatico».


I giocatori stessi sono coloro che negano di avere un problema (come accade per altre dipendenze, come quella da sostanze stupefacenti), e molto più spesso sono i familiari a ricorrere alla struttura per chiedere aiuto. Se la persona non capisce che questo percorso viene intrapreso soprattutto per il suo bene, non ha senso obbligarla. Quando la famiglia paga le conseguenze della ludopatia del parente, come nel caso di separazioni, mutui non pagati perché i soldi sono stati persi al gioco, si organizzano anche dei colloqui con i familiari. In alcuni casi, si sceglie di indicare un parente per gestire le finanze di colui il quale ha una dipendenza.


L’aiuto viene dato dagli operatori del progetto “Dedalo e Icaro” attraverso una psicoterapia individuale o di gruppo, con eventuale tutoraggio economico, e impegnando l’utente in attività all’interno del centro, come laboratori di lavorazione del legno o corsi di scrittura creativa. I giocatori però nella maggior parte dei casi preferiscono delle terapie individuali perché provano pudore nel recarsi presso il centro e preferiscono restare anonimi di fronte agli altri.


Per gioco si intendono slot, gratta e vinci, 10elotto, lotto, ma anche giochi online (come poker) o partite virtuali, scommesse. La differenza tra il gioco sociale, quello ricreativo, e gioco che porta a problematicità risiede nella lentezza. «Se ci facciamo caso – prosegue Casarola – i giochi come la tombola sono lenti, invece nel gioco d’azzardo c’è molta velocità. Con la crisi, i consumi sono aumentati perché si ha la speranza di migliorare la propria condizione». Un esempio lampante è la velocità del gioco “10 e lotto”, nel quale avviene una estrazione ogni 5 minuti. Raffrontando il numero di ore spese nel gioco con il numero di ore di lavoro, ad esempio otto, un giocatore può arrivare ad investire cento euro ogni otto ore (considerando un euro ad estrazione), con una probabilità di vincita, su dieci numeri, di 30.963.246. Questo è solo uno dei tanti esempi che potremmo fare.


Paradossalmente, è lo Stato stesso a generare confusione: se da un lato invoglia i cittadini a scommettere, giocare, pubblicizzando le slot e tutti gli altri giochi, dall’altro lato finanzia poi la cura delle persone che dell’eccesso di gioco si ammalano. Il progetto “Dedalo e Icaro”, come molti altri in Italia, infatti, si regge per lo più sulle gambe dei finanziamenti pubblici. Pochissima parte, se non quasi niente, proviene dal 5x1000.


Il paradosso ci viene confermato da Casarola: «Dal 1996 in poi sono state attuate delle politiche, a livello nazionale, che hanno teso alla liberalizzazione, legalizzazione e normalizzazione del gioco d’azzardo che è, nel nostro Paese, la terza industria del fatturato». Nelle province Bari-Bat il gioco è la terza voce del Pil, nonché il 6,4 per cento, un dato molto alto se pensiamo che nelle stesse province la sanità copre il 7 per cento del prodotto interno lordo. «Ma chi guadagna di più sono i concessionari, come dimostrano gli studi di Maurizio Fiasco», presidente di Alea, associazione per lo studio del gioco d’azzardo e dei comportamenti a rischio, che proprio qualche mese fa ha ricevuto un’onorificenza al merito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per i suoi interventi e studi sul fenomeno.


Il progetto “Dedalo e Icaro” impegna due psicologhe psicoterapeute, due educatori e due operatori di strada. Il centro si trova presso la sede dell’Oasi2, in via pedaggio santa Chiara 57bis.


Federica G. Porcelli

CONDIVIDI
PUBBLICITA' RealSuole

Notizie del giorno

Darsena di Trani, previsti per il 2017 incassi pari a 400mila euro Darsena di Trani, per l’anno in corso confermate le tariffe del 2016. Il criterio è la superficie della barca, non la lunghezza Trani, per "Fuori museo" stasera Renga, martedì 29 agosto Mannoia Bando lidi e nessuna traccia dei concessionari, Lima (Fdi Trani): «A capodanno, nuova gara» Amato, Vigor Trani: «Abbiamo provveduto a collegare due cisterne per garantire un'adeguata irrigazione» Tribunale di Trani, confermati i finanziamenti ministeriali. Saranno usati per palazzo Carcano Guardia di finanza Puglia, negli ultimi giorni rinvenuti oltre 500mila articoli contraffatti "Intagli di luce": le creazioni di Marida Sannito e Silverio Allocca alla Lega navale di Trani da domani fino a mercoledì prossimo «Sabato di Trani»: oggi, penultimo appuntamento con le visite guidate a cura della Pro loco Trani, a Santa Geffa martedì prossimo il cantautore Luca Loizzi Trani, per la decima edizione di «Raccontando sotto le stelle» prossimo appuntamento il 24 agosto “Trani di scena”, prossimo appuntamento il 28 agosto Palazzo Beltrani ospita i grandi maestri del Novecento. Esposizione aperta fino al 31 agosto Uffici demografici del Comune di Trani, diminuite le ore di lavoro fino al 31 agosto A Trani sabato 26 agosto la terza edizione della "Cena in bianco". È già possibile prenotarsi “Una scelta in Comune”: dopo sei mesi, a Trani, sono 73 i donatori di organi Pescava datteri, denunciato a Trani un sub. Nell'auto, ne aveva sei chili “Mare sicuro 2017”, resoconto dell’operazione che ha riguardato anche Trani Tutti vogliono il noleggio con conducente: più di cento le domande pervenute al Comune di Trani La lettera di un operatore del 118 di Trani riceve il plauso di Michele Emiliano Trani e Dragonetti, il giusto connubio tra cultura e sport Trani e quel luogo completamente inaccessibile ai disabili: piazza Cesare Battisti Vertenza lavoratori cooperative di Trani, Cgil: «Incrementare le ore di lavoro per garantire la manutenzione del verde» Trani, Brunori Sas apre "Fuori museo 2017", la rassegna targata Fondazione Seca Fitto casa 2015, domande al Comune di Trani entro l’11 settembre Trani, scadono il 30 settembre le domande per il contributo per i libri di testo Orto sociale dell'Auser Trani, parte a settembre la formazione agli assegnatari dei lotti "Agosto solidale con Anteas Trani": dieci bambini seguiranno il progetto avventura Santa Geffa Organismo indipendente di valutazione del Comune di Trani, impegnati 21.542 euro Il silenzioso esodo dei giovani: Trani ne ha persi 950 in nove anni Calcio a 5 femminile, anche per quest'anno l'Olympic Trani ai nastri di partenza del campionato di serie C Trani, incidente mortale a Capirro: perde la vita un centauro 28enne, Raffaele Casale Trani, percorre contromano via Mario Pagano e urta dei passeggini: interviene la Polizia Trani, rubati fiori dalle fioriere di via Porta Vassalla. Restano solo terra e rifiuti Regione Puglia, al via il bando “Tecnonidi” destinato ai giovani. Dotazione di 30 milioni VIDEO. Trani religiosa, la festa di Maria Assunta in Cielo Vaccini obbligatori dai 0 ai 16 anni, la Regione dice cosa fare prima dell’inizio della scuola. Tutte le info AGGIORNATO. Trani, grave incidente sulla 16bis: tre morti e due feriti. Arrestato un uomo, alla guida ubriaco Discarica di Trani, "spuntano" nuove analisi. Bottaro: «Tutto nella norma», di Gregorio: «I dati precedenti erano alterati» «Presto a Trani “Giochi senza frontiere”, per i cittadini incivili»: la lettera satirica di un concittadino Situazione dello stadio di Trani, insorgono le due società Furto in una farmacia di Trani, portate via le casse e arrecati ingenti danni Discarica di Trani, nuovo laboratorio di analisi cliniche: aumentato l'inquinamento AGGIORNATO. Trani, domenica e festivi è caos grattini: si temono disagi per domani. I chiarimenti di Amet La giunta regionale vara il Piano triennale dello spettacolo. Capone: «La cultura è l’ossatura della Puglia» Vigor, buona la prima: Trani-Altamura 3-0 Esplode ancora la fogna nera nel centro di Trani: liquami tra via De Robertis e Corso Vittorio Emanuele AGGIORNATO. Ospedale di Trani, il cancello resta chiuso. Due salme nell'obitorio, i parenti costretti a scavalcare per raggiungerle. Cancello aperto alle 10.30 Obitorio di Trani, Narracci: «Portinaio in malattia, mi scuso per l'incidente» Obitorio di Trani: oltre il danno, la beffa: corto circuito a causa del maltempo Trani, arrestato il reo confesso dell'accoltellamento di Emanuele Lomolino: Emanuele Sebastiani, suo cognato Festa patronale di Trani, Bottaro: «Era giusto rispettare un momento drammatico per la nostra comunità» Maltempo a Trani, caduta di calcinacci in via Giovanni Bovio Maltempo a Trani, "soliti" allagamenti a Pozzopiano Il Trani si rinforza in difesa: definito il tesseramento di Luigi Monopoli Trani, cade grosso ramo di pino in via Malcangi: fortunatamente, nessun danno Giovani ubriachi, un operatore del 118 di Trani: «Rimediate ai vostri errori, correggetevi» Punto Iat di Trani, attivo il potenziamento: sarà aperto tutti i giorni fino a settembre. Info e orari «Il Comune è aggiornato sul codice antimafia?»: l’interrogativo della rete civica “Solo con Trani” Agguato a San Marco in Lamis, l'auto usata risulta rubata a Trani Trani, nel magico parco di santa Geffa la festa dei vent’anni di Xiao Yan, «una risorsa della città» Trani, siepi spartitraffico troppo alte in corso don Luigi Sturzo: pericolo in agguato per pedoni e automobilisti Piano di zona Trani-Bisceglie, proroghe tecniche per garantire continuità ai servizi Ufficio di piano tra proroghe e un dirigente di Bisceglie: la nota di “Solo con Trani” AGGIORNATO CON VIDEO. Rapine tra Trani, Bari e Castel Volturno: la Polizia di Stato stronca una banda di malviventi. I nomi Assenza di pulizia e di civiltà, degrado all'esterno della cattedrale di Trani Trani, nei pressi della seconda spiaggia immondizia e persino topi tra gli scogli. Disagi anche alla «Vittoria grande» “Fitto casa”, c’è il contributo del 2015: al Comune di Trani assegnati quasi 640mila euro AGGIORNATO. Trani, bus navetta? No, divieto di sosta: segnale stradale sbagliato in via Postumia. Le precisazioni della Polizia locale Vigor Trani: quest'oggi amichevole in famiglia, domenica contro la Fortis Altamura Emergenza caldo, dei volontari di Trani in bici con dei defibrillatori Ha fatto tappa a Trani il “Moving lab”, il Laboratorio mobile della polizia scientifica
PUBBLICITA' Antiche Arcate