Buste biodegradabili, i chiarimenti della Confesercenti Barletta-Andria-Trani

Sulla vicenda dei sacchetti di plastica, che ormai da giorni sta occupando intere pagine dei giornali e imperversa sui media in genere, il Ministero dell’ambiente è intervenuto con una Circolare della direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento, pubblicata sul sito istituzionale, con cui ha inteso fornire alcuni chiarimenti in risposta ai quesiti pervenuti in merito all’interpretazione delle disposizioni introdotte dall’art. 9-bis del decreto legge 20 giugno 2017, n. 91 (Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno), come convertito in legge 3 agosto 2017, n. 123, in attuazione degli obblighi contenuti nella direttiva 2015/720/UE in materia di riduzione dell’utilizzo di borse di plastica.
Riportiamo una sintesi di quanto esplicitato dal Ministero.


Buste di plastica commercializzabili.  Si ritiene utile riassumere la disciplina dell’utilizzo delle borse di plastica fornite ai consumatori per il trasporto di merci o prodotti. Dal 1° gennaio 2018 sono commercializzabili negli esercizi di vendita di qualsiasi tipologia esclusivamente:


-borse di plastica riutilizzabili con maniglia esterna alla dimensione utile del sacco (con spessore della singola parete superiore a 200 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano generi alimentari; con spessore della singola parete superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano esclusivamente merci e prodotti diversi dai generi alimentari);


-borse di plastica riutilizzabili con maniglia interna alla dimensione utile del sacco (con spessore della singola parete superiore a 100 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 30 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano generi alimentari; con spessore della singola parete superiore a 60 micron e contenenti una percentuale di plastica riciclata di almeno il 10 per cento fornite, come imballaggio per il trasporto, in esercizi che commercializzano esclusivamente merci e prodotti diversi dai generi alimentari);  


-borse di plastica biodegradabili e compostabili certificate da organismi accreditati e rispondenti ai requisiti di biodegradabilità e di compostabilità;


-borse ultraleggere biodegradabili e compostabili di spessore inferiore a 15 micron, realizzate con almeno il 40% di materia prima rinnovabile, ai fini di igiene fornite come imballaggio primario per alimenti sfusi, come frutta, verdura ed altri alimenti che non siano già stati preincartati dal produttore.


Obbligo di far pagare tutte le borse di plastica ammesse al commercio. L’art. 226 bis, comma 2, D. Lgs. n. 152/2006 dispone che le borse di plastica biodegradabili e compostabili, nonché le borse di plastica riutilizzabili «non possono essere distribuite a titolo gratuito e, a tal fine, il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti trasportati per il loro tramite». Parimenti, l’art. 226-ter, comma 5 del medesimo D. Lgs. n. 152/2006 dispone che le borse ultraleggere “non possono essere distribuite a titolo gratuito e, a tal fine, il prezzo di vendita per singola unità deve risultare dallo scontrino o fattura d’acquisto delle merci o dei prodotti imballati per il loro tramite”.
L’obbligo di pagamento delle borse ultraleggere, che trova la sua ratio nell’esigenza di avviarne una progressiva riduzione della commercializzazione, decorre dal 1° gennaio 2018.
Se ne evince che tutte le borse di plastica elencate ai numeri dall’1 al 4, indipendentemente dalla tipologia dell’esercizio, sono cedute al consumatore obbligatoriamente a pagamento riportando il prezzo sullo scontrino fiscale o sulla fattura d’acquisto, altrimenti applicandosi la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.500 a 25.000 euro, aumentata fino al quadruplo del massimo se la violazione del divieto riguarda ingenti quantitativi di borse di plastica oppure un valore di queste ultime superiore al 10 per cento del fatturato del trasgressore, nonché in caso di utilizzo di diciture o altri mezzi elusivi degli obblighi.


Utilizzo di borse portate dall’esterno per asporto prodotti sfusi. Sulla possibilità che le borse ultraleggere vengano portate dall’esterno dell’esercizio commerciale da parte dei consumatori, il Ministero si è così espresso: «Un ulteriore chiarimento è relativo, anche al fine del coordinamento con le regole di sicurezza alimentare e igiene degli alimenti come previste dal comma 3 dell’art. 226-ter, D. Lgs. n. 152/2006, alla possibilità, da parte del consumatore che non intende pagare la borsa ultraleggera, di utilizzare, al posto della stessa, imballaggi portati dall’esterno del negozio. (…) Ancorché qualunque pratica volta a ridurre l’utilizzo di nuove borse di plastica risulti indubbiamente virtuosa sotto il profilo degli impatti ambientali, si ritiene che sul punto la competenza a valutarne la legittimità e la conformità alle normative igienico-alimentari richiamate nel citato comma 3 dell’art. 226-ter spetti al Ministero della Salute. Lo stesso Dicastero, allo stato, è orientato a consentire l’utilizzo di sacchetti di plastica monouso, già in possesso della clientela, che però rispondano ai criteri previsti dalla normativa sui materiali destinati a venire a contatto con gli alimenti. Tali sacchetti dovranno risultare non utilizzati in precedenza e rispondenti a criteri igienici che gli esercizi commerciali potranno definire in apposita segnaletica e verificare, stante la responsabilità di garantire l’igiene e la sicurezza delle attrezzature presenti nell’esercizio e degli alimenti venduti alla clientela».
È chiaro però che detta dichiarazione, fin quando non troverà riscontro in una precisa indicazione da parte del Ministero della salute, lascia il tempo che trova.


Il direttore Confesercenti provinciale Bat - R. M. Landriscina

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Global Office

Notizie del giorno

Quasi tre anni di Bottaro a Trani, il bilancio di Anna Barresi: «Una città governata nella più totale improvvisazione» Trani, addio alberi: tagliato anche quello fra corso de Gasperi e via Bonomo Trani, la sicurezza prima di tutto: in via Bari, oggi, ci sono 20 «non alberi». Di Gregorio: «Due progetti per sostituirli e, sul verde, ci stiamo prodigando» Il Capo della Polizia rende omaggio ad Alfredo Albanese: domani, a Trani, giornata per la legalità Arriva il vescovo a Trani, sabato le scuole chiuderanno alle 11 Misure innovative per il risparmio idrico: in Puglia sette progetti per un totale di quasi 5 milioni di euro Adriatica Trani, oggi quarti di finale di Coppa Puglia contro Castellaneta Trani Marathon, domenica 4 febbraio 5a edizione del "Cross di Trani - Memorial Mauro De Feudis" Judo Trani, un primo e un terzo posto nella "Puglia Star" a Taranto "Il violino di Auschwitz", al Polo museale proseguono le manifestazioni per la Giornata della memoria Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Venerdì al Santo Graal di Trani Hard as a rock, Ac/Dc tribute band I giornalisti festeggiano il loro patrono, san Francesco di Sales: oggi, santa messa a Trani Oggi a Trani raccolta firma per la presentazione delle liste di "Potere al popolo" Alla parrocchia san Giuseppe, a Trani, proseguono i festeggiamenti in onore di san Ciro: il programma completo “Fino alla fine, biotestamento e autodeterminazione”: venerdì nella biblioteca di Trani quinto appuntamento di “Conoscere per cambiare” Venerdì a Trani presentazione del libro "E la chiamano estate" “Chiedilo al notaio”, prossimo appuntamento al Comune di Trani il 1mo febbraio. Prenotazioni fino a venerdì prossimo Giornata della memoria, a Palazzo Beltrani sabato e domenica "Binario 21" Castello di Trani, sabato "Scienza e giustizia non conoscono le barriere": prenotazioni fino a domani Sereno variabile a Trani: la puntata andrà in onda sabato prossimo, alle 17.05, su Rai2 Domenica a Trani Flavia Piccinni, autrice del libro-inchiesta "Bellissime" Arsensum di Trani, prosegue la stagione concertistica. Domenica prossima, serata dedicata a Piazzolla Palazzo Beltrani, la collettiva di arte contemporanea “Artis gratia” prolungata fino a domenica prossima Stagione teatrale di Trani, martedì prossimo "Uno nessuno centomila" con Enrico Lo Verso Finalissima di Coppa Italia regionale: Trani-Fasano il 1mo febbraio a Monopoli Ritorna il Giornale di Trani e Radio Bombo ne compie 40: sarà un 2018 di storia, rinnovato impegno e testimonianze "Jazz e dintorni" all'Impero di Trani: venerdì 16 febbraio, Matteo Brancaleoni Trani, iniziate le riprese di "Un nemico che ti vuole bene", con Diego Abatantuono Comune di Trani fuori dal San Paolo, il dirigente del De Amicis: «Adesso diteci dove portare 234 bambini, perché non lo avete scritto da alcuna parte» Polizia locale, intensificate sul territorio di Trani le attività di controllo sul conferimento dei rifiuti Trani e gli incivili dei rifiuti: in piazza Cittadella, nel cassonetto, ci finisce anche il televisore Un defibrillatore ogni mille abitanti, volontari formati per usarlo: firmato il protocollo del progetto “Trani città cardioprotetta” Trani, dopo quarant'anni nuovi cordoli sul lungomare Chiarelli. E, nelle aiuole, tante «case» per gatti Bonifiche ambientali, la soddisfazione di Sinistra Italiana Trani Caffarella, presidente Confesercenti Barletta-Andria-Trani, al premio “Imprese nella storia” consegnato a Montecitorio
PUBBLICITA' Real Suole