Estorsioni a Trani, chiesta l'assoluzione per Petrilli, Di Feo ed i fratelli Pecorella. Il 23 marzo, parola alle difese degli altri quattro imputati a Bari

Annullamento dell'aggravante del metodo mafioso ed assoluzione perché il fatto non sussiste o, in subordine, perché non costituisce reato. Queste le richieste dei difensori di Nicola Petrilli, Michele Di Feo, Pasquale e Nicola Pecorella nel corso dell'udienza tenutasi ieri, presso il Tribunale di Bari, in merito a quattro degli otto imputati nel rito abbreviato sui fatti di estorsione, tentata e/o consumata, commessi a Trani nel corso del 2016 e per i quali furono arrestati fra febbraio e marzo 2017.

I legali di Nicola Petrilli, Angelo Scuderi ed Ernesto Pensato, hanno chiesto l'assoluzione del loro cliente non soltanto per quei capi di accusa, ma anche invocando la desistenza di Petrilli, che avrebbe partecipato ad un solo episodio, nel quale sarebbe stato protagonista soltanto nel primo approccio perché l'estorsione, poi, fu continuata da altri imputati. Per quanto riguarda gli altri tre, tutti difesi da Claudio Papagno, si punta con forza all'esclusione dell'aggravante mafiosa ed alla decadenza degli altri capi di accusa e conseguente assoluzione.  

Il pubblico ministero, Giuseppe Maralfa, ha invece chiesto 2 anni, 8 mesi e 1400 euro di sanzione per Petrilli, 6 anni, 3 mesi e 4000 euro per i fratelli Pecorella, 4 anni, 2 mesi e 4000 euro per Di Feo. Quanto ai restanti imputati, queste le pene richieste: Pasquale Pignataro, 10 anni e 10mila euro; Ilir Gishti, 8 anni e 8mila euro; Giuseppe Corda, 4 anni e 4000 euro. Per Vito Corda, riconosciuto come figura apicale del sodalizio dedito alle estorsioni, avendogli riconosciuto l'attenuante di collaboratore di giustizia, la richiesta è di 4 anni, 8 mesi e 4000 euro.

Ieri, dunque, hanno parlato i difensori dei primi quattro imputati. Il prossimo 23 marzo sarà il turno degli altri quattro ed il 30 marzo è prevista una terza udienza che potrebbe anche determinare le decisioni del Gup, Rosa Anna Depalo. Nel procedimento sono ben 17 le parti offese, fra imprenditori e cittadini a vario titolo oggetto delle estorsioni. Il Comune di Trani non è parte civile, in quanto la richiesta era stata respinta dal Gup.

Agli imputati viene addebitato il reato di estorsione in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso ed altri capi di accusa. Le estorsioni oggetto dell'inchiesta, una consumata e le altre tentate, riguardarono attività della ristorazione, imprenditoriali, del settore immobiliare e lapideo. Secondo quanto ipotizzato dalla pubblica accusa, l’azione criminale sarebbe stata estesa all’intero territorio cittadino e caratterizzata da un pesante clima di terrore ingenerato dalla personalità e dalla caratura dei malfattori, dalle minacce espresse di danneggiamenti alle cose, nonché di lesioni personali alle vittime. I malviventi avrebbero preteso il pagamento di somme di denaro fino a 40.000 euro , minacciando di compiere incendi e danneggiamenti alle rispettive attività, qualora non avessero aderito.

Il ruolo di indiscusso capo della banda, come detto, viene attribuito a Vito Corda, 40 anni, pluripregiudicato, detenuto ad Ariano Irpino ed oggi collaboratore di giustizia.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: l'ex sciala De Simone in «Rovine» Noleggio con conducente a Trani, bando e graduatoria da rifare Stabilizzazioni nella Asl Bt, non tutti gioiscono. I sindacati: «E gli operatori rimasti fuori?» Incidente in Erasmus, il presidente della Barletta-Andria-Trani chiede a tutte le amministrazioni di contribuire alla riabilitazione di Chiara Alla ri-scoperta di Santa Maria de Russis: oggi, conferenza al Polo museale di Trani Dimenticare Casarano e rilanciarsi in zona playoff: Trani, contro Otranto è l'occasione giusta Aprilia ancora a secco, Trani la sfida a Bisceglie a caccia del bis Trani chiede spazio alle foggiane per salire sempre più: Fortitudo attende Cerignola, Juve a Lucera Trani, sfida insidiosa contro Taranto per confermarsi seconda Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, domani serata dedicata a Mina e Battisti "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani per il 25esimo anno di attività della Caritas Trani religiosa, il programma della festa in onore di san Giuseppe Moscati Al Dino Risi di Trani, oggi e domani, lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” La tenace lotta di una donna contro la sclerosi multipla: oggi, a Trani, con Onofrio Pagone, il libro e la sua protagonista Oggi, nella chiesa “Pieno vangelo” di Trani, una serata con lo staff di “Compassion” Oggi, a Trani, concerto del Trio Donatello Oggi, a Trani, momento di riflessione sulla donazione a cura dell'Adisco "Potenzialità e pericoli delle nuove tecnologie": oggi convegno nella "Baldassarre" di Trani A Trani 120 nuovi alberi in tre date e luoghi diversi: si parte domani in villa comunale. Iniziativa del Movimento cinque stelle Domani, a Trani, “Ricordando don Tonino Bello” Autismo: domani a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani il padre affidatario della bambina Down che nessuno voleva: lunedì appuntamento all'Università popolare Santa Sofia Chi trova un partito, trova un tesoro: nella Bat, in sei trovano Fratelli d'Italia. Lunedì prossimo, a Trani, vi ci entrerà Elena Muoio, di Margherita A Trani, martedì prossimo, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Trani, 56.000 abitanti: per la festa patronale donati solo 3.000 euro. Il Comune ne ha versati 30.000 La Direzione regionale rassicura tutti: «L'Inps non andrà via da Trani» Scontro fra treni, altre tre udienze preliminari a dicembre prima del processo. Il rito abbreviato per Elena Molinaro fissato al 14 marzo Sicurezza, oggi la protesta degli uomini e delle donne in divisa del sindacato Siap La Rocca-Bovio-Palumbo di Trani in Svezia e Spagna per il progetto “Erasmus plus” Trani, è giallo sugli alberi: l'amministrazione rivendica la paternità delle manifestazioni del 21 novembre
PUBBLICITA' Fondazione Seca