Potere al popolo scrive al sindaco di Trani: «Non conceda dehor, spazi pubblici e incarichi a chi sfrutta i lavoratori»

«Il Comune non può e non deve consentire che gli esercenti concessionari di suolo pubblico, nonché gli assegnatari di incarichi e servizi professionali sfruttino il lavoro nero, irregolare e sottopagato dei propri dipendenti e collaboratori, violando la contrattazione collettiva e la legislazione sul lavoro su previdenza e sicurezza».


È con queste motivazioni che Giovanni Doria, esponente tranese del movimento Potere al popolo, ha protocollato una richiesta di incontro al sindaco di Trani, Amedeo Bottaro per chiedere all’amministrazione di: «adottare una delibera che inibisce la concessione di suolo pubblico agli esercenti commerciali che sfruttano il lavoro nero, irregolare e sottopagato dei propri dipendenti; dare attuazione al principio dell’equo compenso nelle procedure comunali di acquisizione di servizi professionali;  individuare nuovi strumenti amministrativi che contrastino lo sfruttamento di tutti quei lavoratori, compresi gli autonomi, i professionisti e le partite iva che collaborino con gli assegnatari di incarichi e servizi professionali».


L’inibizione alla concessione di suolo pubblico agli esercenti commerciali che sfruttano i lavori ha un precedente, ed è la delibera n.100 del Comune di Napoli. Lì, grazie alla stipula di un protocollo d’intesa tra amministrazione e Ispettorato del lavoro, la concessione del suolo pubblico è subordinata  al rispetto da parte dei richiedenti di una serie di norme, tra cui spiccano quelle in materia di lavoro, contribuzione previdenziale, applicazione dei contratti collettivi, tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, inasprendo le sanzioni per i concessionari trasgressori.


Questa delibera costituisce un importante precedente politico, amministrativo, sociale e sindacale, avendo «finalmente aperto la strada all'uso degli strumenti amministrativi locali per il contrasto del lavoro nero, irregolare e sottopagato». A trarne beneficio saranno anche i commercianti onesti, perché si potrà contrastare la concorrenza sleale praticata dai datori di lavoro disonesti nei confronti di tutti coloro che invece contrattualizzano regolarmente i propri dipendenti.


A proporre la delibera a Napoli è stata la Camera popolare del Lavoro di Napoli, che fa riferimento all' Ex Opg occupato - Je so' pazzo e quindi a Potere al popolo, che ha alimentato una grande vertenza contro i titolari di locali che occupavano il suolo pubblico e che avevano lavoratori e lavoratrici irregolari e sottopagati.


«Questa delibera – scrive ancora Doria - crediamo possa essere adottata al fine di contrastare lo sfruttamento di tutti i lavoratori che, anche indirettamente, siano entrati in rapporto con l’amministrazione pubblica.  Ci riferiamo in particolare agli autonomi, ai professionisti e a tutti i lavoratori a partite Iva che facciano parte di strutture, società o associazioni professionali che richiedano di partecipare a bandi per l’affidamento di incarichi o prestazioni di servizi, e alle quali la partecipazione potrebbe essere inibita se non provino la regolarità retributiva e contributiva nei rapporti lavorativi con i propri collaboratori, prevedendo la revoca dell’incarico in caso di successivo accertamento delle violazioni ovvero della presenza di lavoratori non assunti secondo le vigenti normative lavoristiche».
«Tali disposizioni – si legge nella lettera di Potere al popolo al sindaco - intendono superare un fenomeno che negli ultimi anni, anche per effetto dell’abolizione dei tariffari, ha caratterizzato le procedure di affidamento di servizi professionali e che ha visto molte amministrazioni prevedere compensi non correttamente parametrati alla qualità e quantità delle prestazioni richieste o addirittura compensi simbolici. Ci sono stati pure dei casi in cui il compenso economico non era nemmeno previsto.
Le amministrazioni pubbliche, pertanto, hanno il dovere di dare attuazione al principio dell’equo compenso nelle proprie procedure di acquisizione di servizi professionali, prevedendo che i compensi siano determinati sulla base dei parametri fissati con i vari decreti ministeriali. Sul punto proponiamo l’adozione del contenuto della delibera n. 29/18 della Regione Toscana, che costituisce anch’essa un precedente assoluto in Italia».


«È infine molto importante – conclude Doria - la promozione delle migliori pratiche amministrative, mutualistiche e cooperative che consentano l’esercizio delle attività lavorative in spazi comuni del patrimonio pubblico, riconvertito o recuperato per lo sviluppo di queste attività lavorative (coworking, fab-lab, start-up)».


Il movimento nei prossimi giorni, come ha fatto sapere Cosimo Matteucci, candidato nel nostro collegio alla Camera nelle ultime politiche, depositerà analoga richiesta ai sindaci dei comuni di Andria e Canosa di Puglia, mentre sono in fase di completamento gli incontri con i candidati sindaco di Barletta. «Lo sfruttamento dei lavoratori deve finire, e deve finire ovunque» conclude Matteucci.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Le Lampare

Notizie del giorno

Capitale italiana della cultura? Dopo Matera e Parma, Trani proverà a candidarsi per il 2021 Trani, perde il controllo dell'auto in via Malcangi, ne urta una parcheggiata e finisce in testacoda: solo lievi ferite Semaforo guasto da giorni sulla Trani-Corato, oggi ci è scappato l'incidente: nessun ferito Supporto alla Polizia locale, il Comune di Trani cerca associazione idonea per convenzione: disponibili 5000 euro per rimborso spese FOTO e VIDEO. Cerchi copertoni, spuntano anche transenne: Trani, il primo cestino della spazzatura è il porto Tre studi su un unico pianerottolo: tre architetti di Trani li aprono al pubblico e la serata si trasforma in happy hour Sviluppo e crescita occupazionale nella Barletta-Andria-Trani, firmato accordo tra Confindustria e sindacati Asl Bt, nominato il nuovo ufficio per i procedimenti disciplinari. Presidente, il generale dei Ris Giuseppe Mileto Come portare il cane in giro e non sporcare? A Trani, il comitato di quartiere di via Andria detta le regole da seguire È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Qui no!» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, venerdì omaggio a Fabi Silvestri Gazzè Trani religiosa, il programma dei solenni festeggiamenti in onore di Santa Rita Da Cascia. Oggi la solenne processione "Impegno civico per il sottovia carrabile e pedonale di via Corato": oggi a Trani raccolta firme Nasce “l’olio di Trani”: presentazione giovedì "Il Maggio dei libri" nella biblioteca di Trani, tante attività previste. Nuovo appuntamento, giovedì prossimo Trani religiosa, da giovedì prossimo via alla festa liturgica di San Nicola il pellegrino Decennale della morte di Luigi Malerba, anche Trani lo ricorda con la presentazione di "Sull'orlo del cratere". Appuntamento venerdì in biblioteca Venerdì prossimo, al Dino Risi di Trani, Larry Franco swingtet Sabato prossimo, a Trani, il prestigioso gruppo «I camaleonti» Domenica nella villa comunale di Trani esibizione dei talenti “nostrani”: è festa con «Armonia» «La chiesa di santa Chiara e le guerre mondiali": incontro a Trani domenica Le macchine da guerra di Leonardo da Vinci a palazzo Beltrani: l'esposizione prosegue fino al 10 giugno Mese mariano, prosegue il programma alla Madonna di Fatima di Trani Furto con scasso nella notte alla Beltrani: rubati 20 euro in monete dai distributori automatici Trani, iniziati i lavori di sistemazione della pista di pattinaggio esterna al PalaAssi «Il porto di Trani? Sostanzialmente, accessibile»: parola del velista Marco Rossato. Quando lo sport va oltre ogni limite Uno sponsor forte e nuovi, possibili soci: il nuovo Trani sta nascendo FOTO. Trani, la scuola diventa un set: alla Papa Giovanni XXIII girano alunni e professionisti volontari, tutti insieme appassionatamente Da Cocomero ad «Agua de Coco», ma è sempre lui: pochi giorni e Trani riavrà Marechiaro Lidi di Trani, Marechiaro non ferma le perplessità di Lima (Fdi): «Degli altri, e del Piano coste, non sappiamo più nulla» VIDEO. A Trani la quarta edizione di «Ricordando Davide Santorsola» Adriatica, il cuore non basta: Noci passa anche a Trani e la strada per un posto in B2 si prolungherà di quasi un mese Judo Trani settore lotta, Fabio Carbone convocato in nazionale Scherma Trani, Gabriele Vetturi tra i primi otto ai campionati italiani Karate: Guglielmi Trani, due qualificazioni ai campionati italiani di Ostia Lecce passa anche a Trani ed il verdetto è amaro: l'Aquila azzurra retrocede in Prima divisione
PUBBLICITA' Woodcenter