Oggi, a Trani, il convegno “La nuova riforma del diritto fallimentare”

Sabato 13 ottobre alle 9.30 nel Polo museale di Trani, in piazza Duomo, si terrà il convegno “La nuova riforma del diritto fallimentare. Soluzioni delle crisi di impresa, crisi da sovraindebitamento, esdebitazione . Problematiche varie”, organizzato dall’Ugci, Unione giuristi cattolici italiani, sezione di Trani “Dell’Andro”, con il patrocinio di Anm, Ordine degli avvocati di Trani, ordine dei commercialisti, consiglio notarile distrettuale di Trani.


Il tema del convegno nasce dalle diverse richieste di chiarimenti in merito ai lavori della  Commissione/2 Giustizia presieduta dal Presidente Aggiunto della Cassazione Dott. Renato Rordorf, oggi in pensione, illustre relatore della giornata.


La Commissione aveva lavorato, con il precedente Governo, nella stesura e preparazione delle norme di attuazione della legge delega per la riforma della legge fallimentare, sulla quale ancora oggi l’ufficio legislativo del nuovo Governo sta lavorando.


Il testo di legge  predisposto dalla Commissione “Rordorf” consisteva di 3 decreti legislativi nei quali si evidenziava l’intento di creare una nuova normativa sul tema delle crisi dell’impresaIl primo decreto legislativo è dedicato alla riforma della legge fallimentare, il secondo predispone le modifiche delle norme del codice civile relativamente all’amministrazione ed il controllo dell’impresa, mentre il terzo decreto riguardava la ripartizione dei privilegi per i creditori.


Ci auguriamo che l’evento possa essere di aiuto ad imprenditori, persone e chiunque possa aver bisogno di qualsiasi informazioni sulle possibilità di risoluzione delle crisi di impresa.


La novità del testo “Rordorf” è dato dal tema dell’allerta, concetto che vuol indicare una fase di “allarme” sulla situazione critica dell’impresa, in difficoltà nella sua attività, finalizzata all’accertamento delle cause del default imprenditoriale.


Dei decreti legislativi parleremo proprio con il Presidente della Commissione/2 Giustizia il Dott. Renato Rordorf, che affronterà ed analizzerà tutta la riforma, mentre la dottoressa Paluchowski, Presidente della 2° sezione civile del Tribunale di Milano, nella quale è ricompresa la sezione fallimentare, analizzerà il tema del sovraindebitamento, dell’emersione anticipata della crisi, e quindi della cosiddetta “allerta”,  con il confronto con l’attuale normativa in tema di fallimento.


Con il dottor Paolo Milone, attualmente Notaio a Canosa di Puglia, affronteremo il tema dell’esdebitazione, istituto introdotto con l’art. 142 dalla prima riforma della legge fallimentare  del 2006, configurato come una forma di “aiuto” nei confronti della persona fallita - concetto ancora contrastato considerata la lettura della legge che parla di persona e non di società- con il quale i creditori rimasti insoddisfatti nella procedura fallimentare non hanno più alcuna possibilità di intraprendere nuove azioni su eventuali debiti residui della procedura fallimentare, così facendo il debitore fallito viene liberato da tutti i debiti rimasti insoddisfatti nel fallimento.


I lavori della Commissione/2 Giustizia hanno previsto la modifica dell’esdebitazione estendendola anche ad altri, quindi non solo alla persona fisica fallita.


Sentiremo dalla voce diretta del presidente Renato Rordorf tutte le novità predisposte dalla sua Commissione.


Giuseppina Paracampo - Consigliere Nazionale Ugci

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Avicola Colangelo

Notizie del giorno

Scontro treni, nel procedimento la Regione Puglia è parte offesa Estorsioni a Trani, prime condanne: cinque anni a Regano, quattro e mezzo a Presta. Riconosciuta per entrambi l'aggravante mafiosa Trani, rifatta la segnaletica di piazza Albanese: da oggi, tolleranza zero per chi parcheggi sugli stop Furto o rottamazione, da Trani Santorsola presenta la proposta di legge per richiedere il rimborso del bollo auto Giornata europea contro la tratta, anche l’Oasi 2 di Trani nel progetto “La Puglia non tratta – insieme per le vittime” Contro la dispersione scolastica, parte da Trani il progetto di Legambiente Puglia “Scuola corsara” Nasce il Movimento del buongoverno. Parole d'ordine, «trasversalità e amore per Trani» AGGIORNATO. Ragazzo resta solo in casa e fa incendiare un divano: paura in uno stabile del centro storico di Trani Consiglio comunale, tutti approvati i debiti fuori bilancio per 288mila euro. Bagarre per quella riferita alla cava fumante di Trani Santo Graal di Trani, domani sera i Paipers Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Asperger, oggi libro e incontro al Polo museale di Trani Il Polo museale di Trani torna al centro della musica: sabato prossimo, esibizione degli artisti La Nena e Zhero A Trani, fino a domani, incontri su "Sovvenire", il sovvenzionamento alla Chiesa cattolica Dino Risi di Trani, "decimo ciak" domani A Trani, sabato prossimo, torna la raccolta alimentare "Il cibo del sorriso" “Famiglie al museo”, a palazzo Beltrani altri due appuntamenti: il successivo, domenica prossima “Come salvare una vita” con il massaggio cardiaco: evento domenica prossima a Trani Trani, “Domeniche d’autunno a Boccadoro”: secondo appuntamento, domenica prossima "Giocosamente": ogni martedì, all'Anteas Trani, allenamento alla memoria Trani religiosa, da mercoledì a sabato prossimi la festa in onore di San Michele Arcangelo. Il programma È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Fuorigioco» Elezioni provinciali, da Trani in corsa solo Avantario e De Toma. Esclusa la lista con Barresi e Corrado Elezioni provinciali, Lima: «Auspico che il Pd di Trani faccia chiarezza» A Trani sempre più consiglieri assenteisti: il presidente Ferrante si sfoga e ne valuta la possibile decadenza Trani, partito il restauro degli storici pali ottocenteschi: Amet annuncia l'inizio dei lavori Giornata alimentazione, Coldiretti: «In Puglia, il cibo più buttato è lo yogurt scaduto» Concomitanza con il Trani maschile: domenica Apulia-Napoli a Bisceglie. E Scarcella voterà per il nuovo presidente Figc «L'ottavo peccato», della Lega navale di Trani, in evidenza alla 50ma Barcolana di Trieste
PUBBLICITA' Fondazione Seca