Centri per l’impiego, l’assessore regionale Leo incontra i sindacati

Questa mattina l’assessore all’Istruzione, alla formazione e al lavoro Sebastiano Leo, il commissario straordinario dell’Arpal, Vito Pinto, e i dirigenti regionali competenti hanno incontrato le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl, Uil e Csa, per definire alcuni aspetti organizzativi dei centri per l’ompiego pugliesi, anche in relazione alla delicata fase di transizione dei Cpi dalle Province alla Regione.


«Stiamo faticosamente ma con grande impegno lavorando alla riorganizzazione dei centri per l’impiego, le cui funzioni due mesi fa sono passate di competenza dalle Province alla Regione, ma sembra quasi che i deficit strumentali e di risorse che vivono i Cpi pugliesi siano nati adesso, quando questo è un problema strutturale italiano, del mezzogiorno e quindi della Puglia», commenta l’assessore Leo.


«Oggi era importante condividere con le organizzazioni sindacali e con gli attori istituzionali chiamati a gestire questa fase alcune riflessioni fondamentali: innanzitutto ereditiamo la gestione di un servizio primario che oggi conta, in Puglia, un organico di 391 persone a fronte delle oltre 800 necessarie per svolgere in modo puntuale ed efficiente servizi delicati e complessi. Si tratta – fa sapere l’assessore - di un organico che va giorno per giorno depauperandosi, con molti dipendenti che già sono andati o sono prossimi alla pensione. Un organico che la Regione non può riportare a livelli adeguati, sia per la carenza di risorse finanziare sia per l’esistenza di stringenti vincoli assunzionali imposti dallo Stato».


«Con le sigle sindacali – continua Leo – abbiamo condiviso la necessità di collaborare all’interno di un processo chiaro di miglioramento dell’organizzazione dei centri per l’impiego, salvaguardando la continuità lavorativa degli operatori e tenendo conto di quelle che sono le attuali risorse disponibili. Proprio in ragione della scarsità di risorse disponibili per un necessario potenziamento dei centri, la Regione Puglia si sta attivando in sede nazionale affinché sia delineato un quadro normativo e finanziario che consenta di rimediare a questa situazione nel più breve tempo possibile, considerando l’enorme mole di lavoro che svolgono i centri per l’impiego e a cui a breve si aggiungeranno le attività relative al reddito di cittadinanza, previsto nell’aggiornamento del Def. Si tratta, però, di una partita che va giocata in maniera collegiale e concertata da parte di tutti gli attori pugliesi coinvolti che sono chiamati a dare il loro contributo in modo sistemico e non occasionale».


«L’eventuale incremento di personale – ha concluso Leo – dovrà andare di pari passo con l’acquisizione di immobili idonei ad ospitare il nuovo organico, unitamente all’aggiornamento di tutti i sistemi tecnologi e informatici ereditati dalle provincie. Abbiamo, in questi primi mesi, già definito alcuni aspetti organizzativi importanti come il potenziamento della vigilanza nei centri con maggiore afflusso di utenza e sono già in atto soluzioni operative per risolvere alcuni aspetti logistici delle sedi e di coordinamento funzionale delle attività».


L’assessore Leo e il commissario straordinario Arpal incontreranno nuovamente le organizzazioni sindacali il prossimo 22 ottobre, al fine di esaminare le questioni organizzative poste dalla futura costituzione dell’Agenzia regionale per le politiche attive del lavoro, della cui attività i centri per l’impiego sono l’asse portante.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Scontro treni, nel procedimento la Regione Puglia è parte offesa Estorsioni a Trani, prime condanne: cinque anni a Regano, quattro e mezzo a Presta. Riconosciuta per entrambi l'aggravante mafiosa Trani, rifatta la segnaletica di piazza Albanese: da oggi, tolleranza zero per chi parcheggi sugli stop Furto o rottamazione, da Trani Santorsola presenta la proposta di legge per richiedere il rimborso del bollo auto Giornata europea contro la tratta, anche l’Oasi 2 di Trani nel progetto “La Puglia non tratta – insieme per le vittime” Contro la dispersione scolastica, parte da Trani il progetto di Legambiente Puglia “Scuola corsara” Nasce il Movimento del buongoverno. Parole d'ordine, «trasversalità e amore per Trani» AGGIORNATO. Ragazzo resta solo in casa e fa incendiare un divano: paura in uno stabile del centro storico di Trani Consiglio comunale, tutti approvati i debiti fuori bilancio per 288mila euro. Bagarre per quella riferita alla cava fumante di Trani Santo Graal di Trani, domani sera i Paipers Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Asperger, oggi libro e incontro al Polo museale di Trani Il Polo museale di Trani torna al centro della musica: sabato prossimo, esibizione degli artisti La Nena e Zhero A Trani, fino a domani, incontri su "Sovvenire", il sovvenzionamento alla Chiesa cattolica Dino Risi di Trani, "decimo ciak" domani A Trani, sabato prossimo, torna la raccolta alimentare "Il cibo del sorriso" “Famiglie al museo”, a palazzo Beltrani altri due appuntamenti: il successivo, domenica prossima “Come salvare una vita” con il massaggio cardiaco: evento domenica prossima a Trani Trani, “Domeniche d’autunno a Boccadoro”: secondo appuntamento, domenica prossima "Giocosamente": ogni martedì, all'Anteas Trani, allenamento alla memoria Trani religiosa, da mercoledì a sabato prossimi la festa in onore di San Michele Arcangelo. Il programma È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Fuorigioco» Elezioni provinciali, da Trani in corsa solo Avantario e De Toma. Esclusa la lista con Barresi e Corrado Elezioni provinciali, Lima: «Auspico che il Pd di Trani faccia chiarezza» A Trani sempre più consiglieri assenteisti: il presidente Ferrante si sfoga e ne valuta la possibile decadenza Trani, partito il restauro degli storici pali ottocenteschi: Amet annuncia l'inizio dei lavori Giornata alimentazione, Coldiretti: «In Puglia, il cibo più buttato è lo yogurt scaduto» Concomitanza con il Trani maschile: domenica Apulia-Napoli a Bisceglie. E Scarcella voterà per il nuovo presidente Figc «L'ottavo peccato», della Lega navale di Trani, in evidenza alla 50ma Barcolana di Trieste
PUBBLICITA' Incos