A Trani sempre più consiglieri assenteisti: il presidente Ferrante si sfoga e ne valuta la possibile decadenza

«Rappresentare la propria comunità è un onore che comporta delle precise responsabilità. Per molti, invece, sta diventando un passatempo». Così il presidente del consiglio comunale, Fabrizio Ferrante, l'altra mattina, sul suo profilo Facebook, presagendo, e puntando a fare presagire, quello che sarebbe accaduto da lì a poche ore.

Infatti, nel consiglio comunale tenutosi lunedì scorso, con ben 26 punti all'ordine del giorno, 24 dei quali debiti fuori bilancio, è mancato il numero legale dopo avere approvato i primi due, vale a dire il bilancio consolidato 2017 ed il Programma triennale del piano sociale di zona entrambi i provvedimenti sono passati con 13 voti favorevoli 2 astenuti ed un contrario. Pertanto, soltanto la presenza di parte della minoranza ha consentito di licenziarli favorevolmente.

Subito dopo è venuto meno il numero legale con soli 14 presenti, di cui tre della minoranza: fra gli scranni erano rimasti Ferrante, Ventura, Nenna, Amoruso, Cornacchia, Di Tondo, Zitoli, Loconte, Capone, Cirillo Lops, Barresi, Merra e Corrado. Pertanto, si torna in consiglio oggi, mercoledì 17 ottobre, alle 16, per la restante, corposa parte dell'ordine del giorno

Il problema pubblicamente denunciato da Ferrante è legato alla ormai quasi sistematica assenza di molti consiglieri comunali, alcuni dei quali neanche giustificano la loro assenza. Per questi motivi Ferrante si riserva di valutare con il segretario generale le ipotesi di decadenza, poiché, a norma del regolamento comunale, tale istituto si innescherebbe già dopo la terza assenza consecutiva non giustificata.

Di questo Ferrante si era lamentato giovedì scorso, in una riunione di maggioranza nella quale, per la verità, il contraddittorio sarebbe stato minimo poiché evidentemente, dati alla mano, il presidente aveva colto nel segno. 

Ferrante, peraltro, ha fatto notare che, come nel caso della seduta di ieri, tali comportamenti determinano l'effetto di dividere una seduta in due, raddoppiando così i costi della politica tra gettoni di presenza, spese del personale e forniture presso l'aula consiliare.

In altre parole, c'è chi si dedica anima e corpo alla causa e invece chi, a detta di Ferrante, mostra «indolenza nei confronti delle istituzioni».

Lo stesso presidente del consiglio, in una recente trasmissione a Telesveva, aveva anche avuto modo di puntare il dito sulla giunta comunale, elogiando il lavoro di alcuni assessori e screditando quello di altri, peraltro senza fare nomi: «In questi anni ho visto assessori, magari anche tecnici - fa sapere Ferrante -, che stanno buttati lì, dalla mattina alla sera, e fanno le cose più impensate, comprese le fotocopie degli atti, per dare una mano con un grande spirito collaborativo. Al contrario ne sto vedendo altri dei quali, sinceramente, ho perso le tracce e che, anche a livello amministrativo in consiglio comunale, non so cosa effettivamente stiano producendo. Ho rappresentato più volte al sindaco Bottaro questo problema e spero vi si possa porre tempestivo rimedio».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Fondazione Seca

Notizie del giorno

Rubavano merce nelle aree di servizio, denunciati 9 soggetti dalla Sottosezione della polizia stradale di Trani Al Comune di Trani tirocini per studenti di Scienze delle amministrazioni “La carica dei quattrocento” al Polo museale di Trani per “InPuglia 365”. Bis a febbraio per la Fondazione Seca Trani, iniziati i lavori al lungomare Mongelli Stabilizzazioni dei precari della Asl Bt, domani a Trani anche Michele Emiliano Addio Maria Antonietta Cerniglia, il cordoglio dell'arcivescovo di Trani, Mons. D'Ascenzo Refezione scolastica a Trani, Forza Italia: «Non si tolga il pasto ai figli dei morosi» Ufficio tecnico di Trani, un solo dirigente ma due capi servizio: avviata la selezione interna Arpa Puglia conferma: «Mare pulito, ma il vero nemico è la plastica». L'incontro alla Lega navale di Trani Mare e plastica, l'allarme di Legambiente Trani: «Ogni nostro gesto, prima o poi, ci si ritorcerà contro» Mare e plastica, a Trani fanno meno paura: «Il segreto? La collaborazione fra Comune e associazioni» È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ieri e oggi» Bisceglie frena e Trani, che vince in rimonta a Cutrofiano, si lancia all'inseguimento di Barletta La Trani del basket vola: Fortitudo sbanca Rutigliano, Juve timbra il cartellino con Altamura Alla capolista basta un gol: Casarano-Trani 1-0 L'Apulia rompe il ghiaccio: 3-1 al San Marco Argentano e, adesso, ne ha tre alle spalle Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, giovedì prossimo serata jazz Domani, nella chiesa "Pieno vangelo" di Trani, proiezione del film "La croce" "Lo sport per tutti": incontro domani nella biblioteca di Trani Domenica la "Giornata mondiale dei poveri": eventi a Trani a partire da venerdì, per il 25esimo anno di attività della Caritas Al Dino Risi di Trani sabato e domenica prossimi lo spettacolo teatrale “La santa sulla scopa” Autismo: domenica a Trani dibattito con il Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia A Trani, il 20 novembre, incontri con il giornalista Rai Renato Piccoli Bonificato il rudere, La vela può rinascere: nuova opportunità per il lungomare di Trani? Trani, rinasce La vela: quei dieci, lunghissimi anni di stop dopo la demolizione Trani, rinasce La vela: decisiva la rinuncia della Regione al contenzioso legale Differenziata a Trani nuovamente in crescita a settembre. E cala la quantità di rifiuti prodotti Ma quanta plastica sul litorale di Trani. E Legambiente e compagni sono solo a metà dell'opera: si conclude oggi "Clean sea life"
PUBBLICITA' Fondazione Seca