Fallisce anche la Torelli: era l'ultima sciala sul lungomare di Trani

È fallita anche l'ultima, importante sciala sul mare di Trani. Si tratta di quella denominata «Torelli srl», sul lungomare Cristoforo Colombo, che ha cessato l'attività lo scorso 12 ottobre 2018. Il bene è adesso registrato alla Sezione fallimentare del Tribunale di Trani, con il giudice delegato Alberto Binetti ed il curatore fallimentare Tiziana Carabellese.

Si tratta di uno stabilimento di acquacoltura e stabulazione mitili che, fino a quella data, aveva lavorato prevalentemente all'ingrosso e aveva un rappresentante legale di Bari. La famiglia Torelli, di Trani, era già uscita da tempo di scena, sebbene la denominazione sociale fosse rimasta legata a loro.

Il curatore fallimentare adesso, nel rispetto delle norme previste, valuterà tempi e, soprattutto, modi della procedura appena avviata. Di certo, la curatela comprende non soltanto l'attività e le strutture, ma anche, e soprattutto, la concessione demaniale, alla cui scadenza mancano almeno dieci anni.

La società fallita ha anche alcuni dipendenti, non più di cinque, e la struttura è sorvegliata da un custode: non vi è dunque, allo stato, il rischio che lo stabilimento deperisca al contrario di quanto accaduto, invece, con la pressoché confinante ex sciala De Simone, oggi devastata e trasformata in un vero e proprio rudere, dopo la chiusura per fallimento avvenuta il 25 ottobre 2013.

Peraltro, la concessione demaniale della De Simone era scaduta nel 2010, mentre alla ex Torelli è regolarmente in corso ed è quindi, come detto, parte integrante del bene conferendo valore all'immobile oggetto di procedura fallimentare.

Tale circostanza, dunque potrebbe stimolare gli imprenditori interessati a rilevarla, ma, se così non fosse, a medio e lungo termine si aprirebbe un nuovo problema circa la riconversione di un altro sito, una volta di rilevante interesse economico. Basti pensare che la sciala fu aperta nel primo decennio del 1900 (mentre nel 1974 vi fu realizzato l'impianto di depurazione ) e ha così chiuso una storia gloriosa ed oltre modo secolare.  

In tutti i casi, è un immobile da tutelare sia nello stato attuale, sia in caso di cambio di destinazione d'uso. Per il bene della storia che porta con sé e dell'immagine di un lungomare che già sta soffrendo il degrado dell'ex sciala De Simone e attende novità circa l'ex ristorante La vela: lì, infatti, il concessionario ha bonificato il vecchio rudere e si appresta a edificare una nuova struttura, a norma, verosimilmente con la stessa destinazione d'uso della precedente.

«Il Comune di Trani sta seguendo da vicino la vicenda della ex sciala Torelli - fa sapere il sindaco, Amedeo Bottaro -, a stretto contatto con il curatore fallimentare. Il nostro auspicio è che si trovi al più presto una soluzione utile alla salvaguardia del bene o, in alternativa, ad un cambio di destinazione d'uso per la riqualificazione di quella porzione di litorale a fini turistici e ricettivi».

In tal senso, il prossimo 18 dicembre, è prevista una conferenza dei servizi tra Comune, Agenzia del demanio e Regione Puglia, per definire le linee di un bando di gara pluriennale per la concessione dell'ex sciala De Simone, in questo caso già con destinazione turistico ricettiva, e con scadenza a lunga data così da consentire, agli imprenditori interessati, di pianificare un adeguato investimento».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Ufficio 2000

Notizie del giorno

Inchiesta su due ex magistrati di Trani, Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Giannini: «Arrivano nuovi treni sui binari pugliesi» Alberi troppo vicini ai binari, ordinanza del dirigente per prevenire rischi: sotto osservazione largo Goldoni e piazza D'Acquisto Potete permettervi una barca? Ormeggiarla tutto l'anno a Trani vi converrà ancora di più: darsena, ecco le tariffe 2019 Gal Ponte Lama, finanziamenti per la vendita diretta di pesce. Possibilità anche per le imprese e cooperative di Trani "Trani sul filo", la rassegna che piace: 14mila partecipanti Teatro a Trani, arriva il “Venerdì a teatro”: primo appuntamento, domani, con "Tre preti per una besciamella" "Plastic free" nei campi, prorogati i termini per il ritiro dei teloni a costo zero Domani nella biblioteca di Trani incontro sull’importanza dell’unione di coppia nel progetto di vita dei bambini È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Nuova era» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, questa sera si gioca al «Cervellone» Il Partito democratico di Trani verso il congresso: sabato prossimo, chiusura del tesseramento e convenzione cittadina Festa di san Sebastiano, celebrazioni a Trani domenica prossima "Trani sul filo", domenica prossima a palazzo Beltrani lo spettacolo "Charlot in primo piano" Riparte "Jazz e dintorni" a Trani: primo appuntamento, venerdì 25 gennaio con Ron Rapporti con il Pd di Trani, Bottaro precisa: «Ottimi con il segretario, difficili con il gruppo consiliare» Trani, dopo il finanziamento, a villa Telesio arriverà l’illuminazione gratis. La dona Amet Trani, illuminazione a villa Telesio: la polemica di Lima Villa Telesio a Trani, Barresi: «Il sindaco loda l'illuminazione, ma ha perso dei finanziamenti» Lungomare di Trani, partiti i lavori sulla piazzetta fra via Rovigno e via Parenzo: spesa, 10mila euro Trani, per una villa che si riqualifica ce n’è una che è discarica: villa Bini Trani, al posto dell'Agenzia delle dogane l'Ufficio per il gratuito patrocinio Tari a Trani, richieste di agevolazioni ed esenzioni fino al 28 febbraio. Tutte le info Diocesi di Trani, ecco il Collegio dei consultori e il Gruppo di lavoro per lo studio del libro sinodale Dopo il nuovo boom di ascolti, da oggi in libreria i volumi su La compagnia del Cigno. C'è anche quello dedicato alla ragazza di Trani Il Trani sbanca Avetrana grazie alle reti di Bartoli e Monopoli
PUBBLICITA' Ufficio 2000