Spiagge libere con servizi e concessioni demaniali estive, Di Lernia e Branà (M5s Trani): «Perché le strutture amovibili non sono state ancora rimosse?»

Nonostante il nostro ultimo articolo andasse a sottolineare principalmente il manufatto sulla seconda spiaggia già avevamo fatto un sopralluogo sull’intero litorale per capire quante strutture ci fossero, per costruire la nostra interrogazione all’amministrazione sulla capacità di fare rispettare i termini degli accordi sulle concessioni demaniali.

Dalla nostra passeggiata sul lungomare abbiamo capito di dover approfondire le modalità con le quali vengono concessi spazi demaniali per capire come mai questa amministrazione preferisce sorvolare sul rispetto delle regole.

Abbiamo quindi studiato le disposizioni che regolano la concessione di spazi demaniali e in che modalità venga concesso agli occupanti l’installazione di chioschi, pedane, manufatti che, a parer nostro, dovrebbero essere esposti per il massimo di 180 giorni previsto dalla normativa paesaggistica.
Durante l’approfondimento abbiamo studiato l’articolo della legge di bilancio del 2018 (L. 145 del 30/12/2018) nel quale si definiscono le strutture mobili come immaginiamo sia il manufatto predetto e, probabilmente, tutti gli altri che pubblichiamo in coda a questo articolo.

Sono strutture mobili, secondo l’articolo di legge suddetto l’installazione di manufatti leggeri, anche prefabbricati, e di strutture di qualsiasi genere, quali roulottes, campers, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, ad eccezione di quelli che siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee o siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore;
e fin qui sembrerebbe pure che rientrino, però ci sono le eccezioni, ovvero
ad eccezione di quelli che siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee o siano ricompresi in strutture ricettive all’aperto per la sosta e il soggiorno dei turisti, previamente autorizzate sotto il profilo urbanistico, edilizio e, ove previsto, paesaggistico, in conformità alle normative regionali di settore.

La nostra opinione che stiamo verificando è che queste strutture mobili siano abusive e come riportiamo nell’articolo qui (https://www.trani5stelle.it/2019/08/il-fine-giustifica-i-mezzi-e-il-cattivo.html) debbano essere soggette tutte al corretto controllo da parte dell’amministrazione, ogni anno a fine stagione, come previsto dalla norma paesaggistica per la occupazione temporanea di suolo privato, pubblico, o di uso pubblico, mediante installazione di strutture o di manufatti semplicemente ancorati al suolo senza opere murarie o di fondazione per manifestazioni, spettacoli, eventi, o per esposizioni e vendita di merci, per un periodo superiore a 120 e non superiore a 180 giorni nell’anno solare.

In quell’articolo evidenziavamo dei comportamenti forse omissivi da parte dei responsabili del controllo nel rispetto delle regole.

Con curiosità e solerzia giriamo al sindaco, al dirigente e all'assessore preposto la nostra puntualizzazione, affinché verifichino che per le varie concessioni ai privati in merito alla costruzione ed utilizzo di manufatti temporanei per la stagione estiva siano conformi a quanto autorizzato e che non ci siano abusi alla stessa stregua di quanto verificatosi sulla seconda spiaggia. A tal fine alleghiamo alcune foto degli esercizi pubblici da verificare.

Siamo certi che la salvaguardia del nostro patrimonio costiero e la bellezza del nostro litorale sono degli obiettivi a cui qualsiasi amministrazione e cittadino possa ambire. Ci stupiamo quindi delle possibili omissioni da parte dell'amministrazione che portano certamente a comportamenti di emulazione da parte di imprenditori che per il proprio tornaconto sono disposti a calpestare le norme e le prescrizioni in barba a quello che dovrebbe essere un patrimonio di tutti i cittadini la bellezza e la salvaguardia del paesaggio.

Vogliamo che sia chiaro che la nostra azione non è contro gli esercenti ma a favore dell'intera cittadinanza e del rispetto delle regole. Siamo certi che la salvaguardia del nostro patrimonio costiero e la bellezza del nostro litorale siano degli obiettivi a cui qualsiasi amministrazione e cittadino possa ambire. Ci stupiamo quindi delle possibili omissioni da parte dell'amministrazione che portano certamente a comportamenti di emulazione da parte di imprenditori che per il proprio tornaconto sono disposti a calpestare le norme e le prescrizioni in barba a quello che dovrebbe essere un patrimonio di tutti i cittadini la bellezza e la salvaguardia del paesaggio.

I portavoce M5S Trani - Luisa Di Lernia e Vito Branà

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Ufficio 2000

Notizie del giorno

Trani, forti raffiche di vento: villa comunale chiusa, alberi spezzati e caduta di pali in diverse zone della città Al pareggio della Vigor risponde subito il Corato: il Trani non riesce a fermare la capolista Trani, ottima la prima di «Venerdì a teatro». Prossimo spettacolo, il 6 dicembre, anche con le musiche di Stefano D'Orazio Trani, alla scoperta del «fenomeno» Domenico Bini: uscirà a breve il docufilm a cura di Giuseppe del Curatolo e del circolo del cinema Dino Risi La strenna di Natale di Palazzo Beltrani saranno le opere di Tina Modotti: la mostra antologica è in programma dal 7 dicembre al 6 gennaio Il Trani torna dalla Campania con uno 0-3, ma tante indicazioni confortanti contro la capolista imbattuta Juve e Fortitudo, servono punti: la prima a Barletta, la seconda riceve Foggia È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Destini» Santo Graal di Trani, oggi Dario Maltese canterà De André Cinema Impero, la programmazione della settimana “Metti un libro a teatro”: giovedì prossimo parte la stagione teatrale dell'Impero Ritornano all'Impero i «Venerdì a teatro» a cura di Compagnia dei Teatranti e Comune di Trani: prossimo appuntamento, il 6 dicembre Trani,oggi alla parrocchia dello Spirito Santo un convegno su san Giuseppe Moscati «A teatro con i Guitti», parte oggi la stagione teatrale 2019/2020 Contributo libri di testo, da giovedì prossimo si possono consegnare gli scontrini dell'acquisto "Cantata a Cecilia", venerdì prossimo serata di meditazione e canto alla parrocchia di Santa Chiara “Alimentazione e benessere per nonni e nipoti”, prosegue il corso di formazione gratuito a villa Guastamacchia: ultimo appuntamento, sabato prossimo Concorsi Amiu Trani, diffuso il calendario delle preselezioni in Fiera del levante: si parte il 26 novembre con il primo livello. Tutte le info "Jazz e dintorni", continuano gli appuntamenti al teatro Impero: il prossimo è il 29 novembre, con Danilo e Oona Rea A Trani vige la legge della fiamma ossidrica: via Olanda, nuovamente occupata l'ex casa del nonnetto sgomberata un anno fa. Non è bastato blindarne l'accesso Fitto casa 2018, per i cittadini un contributo di oltre un milione di euro: è il più alto degli ultimi anni Amet di Trani, Filctem Bat: «Nuovo Cda e Comune come intendono procedere?» Castello Svevo, anche per gli ultimi due mesi dell'anno restrizioni sugli orari di ingresso. E il 26 dicembre il maniero resterà chiuso Diritti a Scuola, Fratoianni e Santorsola: «Impegno mantenuto, tutelati i docenti pugliesi» Revisione dei valori di stima dell'Imu, Barresi (Iic): «Chi impedisce la realizzazione di questo provvedimento?» Il M5S di Trani celebra la festa nazionale dell'albero: oggi la piantumazione in diverse scuole Giovani eccellenze cercasi, torna il premio regionale "Studio in Puglia perché" Judo Trani, ottimi risultati al trofeo internazionale de L'Aquila. E Angelo Rutigliano conquista la cintura nera Fretta, incoscienza e un frigo di troppo sul tetto: Trani, auto abbatte barriera del passaggio a livello. Identificato e sanzionato il responsabile
PUBBLICITA' Centro Diagnostico Tranese