Denunciò maestra su Facebook per il presunto maltrattamento di suo figlio, il Tribunale di Trani la condanna per diffamazione

Ha rischiato sei mesi di reclusione per diffamazione aggravata a mezzo stampa nei confronti di un'insegnante, almeno secondo quanto aveva richiesto il Pubblico ministero, Cosima Greco: se l'è cavata, si fa per dire, con una significativa condanna dal punto di vista finanziario.

LA DECISIONE

Infatti, per un post su Facebook, una 31enne di Trani, incensurata, pur beneficiando della pena sospesa e della non menzione nel casellario giudiziale, dovrà pagare: 2000 euro di multa, oltre le spese processuali; il risarcimento dei danni patiti alla costituita parte civile, da liquidarsi in separato giudizio; una provvisionale pari a 3000 euro in favore della parte civile; rifusione delle spese di costituzione e rappresentanza di parte civile per complessivi 3420 euro, oltre accessori di legge.

Lo ha deciso il giudice del Tribunale di Trani, Sara Pedone, in merito ad una vicenda risalente a ben sei anni fa, a seguito di un presunto maltrattamento di alunno, da parte di una 50enne docente della scuola Papa Giovanni XXIII, denunciato sulla pagina Facebook Tranispia dalla mamma di quel bambino.

LA STORIA

Secondo il racconto della mamma, dal primo giorno di scuola il bambino, che oggi ha 12 anni, sarebbe stato vessato e, quel 23 settembre 2013, gli si sarebbe negato di bere l'acqua e, poi, sarebbe stato schiaffeggiato e trascinato. Circostanza che avrebbe accertato sul luogo, quella stessa mattina, la nonna dell’alunno con il conforto di testimonianze.

La mamma prima denunciò pubblicamente l’accaduto sul social network, poi al Commissariato.  

L’insegnante, a sua volta, nella sua controdenuncia in Procura, chiamò in causa proprio la nonna del bambino, negando le accuse nei suoi confronti e riferendo di avere subito dalla donna «insulti, intimidazioni e minacce in presenza di alunni, genitori e docenti».

Per questi motivi, si era reso necessario l’intervento del 118, per sedare lo stato d’ansia della docente, rimasta a riposo a lungo per lo stress accusato.

La mamma del bambino incassò solidarietà sul web e la vicenda rimbalzò su numerosi organi d'informazione, mentre in favore dell’insegnante partì una raccolta di firme spontanea da parte del personale docente e non docente, nonché di famiglie di alunni della scuola.

LA RICOSTRUZIONE IN AULA

La vicenda è inevitabilmente finita in un'aula di tribunale, con la mamma del bambino imputata e l'insegnante costituita parte civile.

Ebbene, secondo il giudice la documentazione agli atti conferma pienamente la versione dei fatti, per come ricostruita dalla persona offesa. Le dichiarazioni dell'insegnante hanno trovato, inoltre, riscontro nelle deposizioni testimoniali rese da due sue colleghe, entrambe concordi nel riferire che, quel giorno, la madre dell'imputata nel cortile della scuola, alla presenza di altre persone, aveva aggredito verbalmente l'insegnante proferendo al suo indirizzo espressioni gravemente offensive e accusandola di tenere condotte violente nei confronti del nipote.

«Tutte le condotte di cui era stata accusata la persona offesa, in realtà, non si erano mai verificate - si legge nella sentenza -, ma, considerato il carattere del bambino altamente problematico - anche a causa del suo precedente vissuto familiare -, potevano essere frutto della fantasia dei racconti dello stesso propalati al rientro a casa».

Secondo il giudice, la docente «è stata estremamente precisa e lineare nel suo racconto, senza mostrare sentimenti personali di astio e rancore nei confronti dell'imputata».

Ne è emerso un quadro che ne conferma, secondo quanto si legge nel provvedimento, «precisione, coerenza, logica, costanza, spontaneità, genuinità e disinteresse. Pertanto - scrive il giudice -, le sue dichiarazioni devono ritenersi pienamente credibili e rilevanti ai fini della ricostituzione della vicenda, e quindi per fare emergere la prova della penale responsabilità dell'imputata», con riferimento al reato di diffamazione aggravata per cui è stata condannata.

PENSARCI BENE

Scrivere «di pancia» sui social network, o sui forum dei siti internet non paga, anzi fa pagare a caro prezzo: prima di esporsi in questa maniera, è il caso di pensarci non una e neanche due, ma dieci, cento, mille volte.

Agire d'istinto e per un moto di rabbia, se non vi è il supporto oggettivo a quanto si afferma, può causare danni enormi prima all'immagine delle persone accusate, poi a se stessi, perché quelle accuse possono ritorcersi totalmente contro.

Da quel post nacque una mobilitazione popolare, anch'essa di pancia, in difesa della donna e contro la docente, che però ha avuto la capacità di non abbattersi e fare valere in un'aula di tribunale le sue ragioni, dimostrando di averne da vendere.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

Trani, forti raffiche di vento: villa comunale chiusa, alberi spezzati e caduta di pali in diverse zone della città Al pareggio della Vigor risponde subito il Corato: il Trani non riesce a fermare la capolista Trani, ottima la prima di «Venerdì a teatro». Prossimo spettacolo, il 6 dicembre, anche con le musiche di Stefano D'Orazio Trani, alla scoperta del «fenomeno» Domenico Bini: uscirà a breve il docufilm a cura di Giuseppe del Curatolo e del circolo del cinema Dino Risi La strenna di Natale di Palazzo Beltrani saranno le opere di Tina Modotti: la mostra antologica è in programma dal 7 dicembre al 6 gennaio Il Trani torna dalla Campania con uno 0-3, ma tante indicazioni confortanti contro la capolista imbattuta Juve e Fortitudo, servono punti: la prima a Barletta, la seconda riceve Foggia È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Destini» Santo Graal di Trani, oggi Dario Maltese canterà De André Cinema Impero, la programmazione della settimana “Metti un libro a teatro”: giovedì prossimo parte la stagione teatrale dell'Impero Ritornano all'Impero i «Venerdì a teatro» a cura di Compagnia dei Teatranti e Comune di Trani: prossimo appuntamento, il 6 dicembre Trani,oggi alla parrocchia dello Spirito Santo un convegno su san Giuseppe Moscati «A teatro con i Guitti», parte oggi la stagione teatrale 2019/2020 Contributo libri di testo, da giovedì prossimo si possono consegnare gli scontrini dell'acquisto "Cantata a Cecilia", venerdì prossimo serata di meditazione e canto alla parrocchia di Santa Chiara “Alimentazione e benessere per nonni e nipoti”, prosegue il corso di formazione gratuito a villa Guastamacchia: ultimo appuntamento, sabato prossimo Concorsi Amiu Trani, diffuso il calendario delle preselezioni in Fiera del levante: si parte il 26 novembre con il primo livello. Tutte le info "Jazz e dintorni", continuano gli appuntamenti al teatro Impero: il prossimo è il 29 novembre, con Danilo e Oona Rea A Trani vige la legge della fiamma ossidrica: via Olanda, nuovamente occupata l'ex casa del nonnetto sgomberata un anno fa. Non è bastato blindarne l'accesso Fitto casa 2018, per i cittadini un contributo di oltre un milione di euro: è il più alto degli ultimi anni Amet di Trani, Filctem Bat: «Nuovo Cda e Comune come intendono procedere?» Castello Svevo, anche per gli ultimi due mesi dell'anno restrizioni sugli orari di ingresso. E il 26 dicembre il maniero resterà chiuso Diritti a Scuola, Fratoianni e Santorsola: «Impegno mantenuto, tutelati i docenti pugliesi» Revisione dei valori di stima dell'Imu, Barresi (Iic): «Chi impedisce la realizzazione di questo provvedimento?» Il M5S di Trani celebra la festa nazionale dell'albero: oggi la piantumazione in diverse scuole Giovani eccellenze cercasi, torna il premio regionale "Studio in Puglia perché" Judo Trani, ottimi risultati al trofeo internazionale de L'Aquila. E Angelo Rutigliano conquista la cintura nera Fretta, incoscienza e un frigo di troppo sul tetto: Trani, auto abbatte barriera del passaggio a livello. Identificato e sanzionato il responsabile
PUBBLICITA' Ufficio 2000