Referendum del 29 marzo, l'intervento di Francesco Tomasicchio: «No al taglio del numero dei parlamentari, salviamo la Costituzione»

Il 29 marzo del 2020 – come da ultimo riportato in Gazzetta Ufficiale – tutti noi elettori saremo chiamati ad esprimerci sul taglio ‘drastico’ del numero dei parlamentari: da 945 previsti dalla Costituzione si rischia di passare a 600 parlamentari (400 alla Camera dei Deputati e 200 al Senato). Trattandosi di un referendum di «revisione della Costituzione», non è richiesto – ai fini della validità dell’esito referendario – un quorum di votanti. I voti favorevoli debbono superare i voti sfavorevoli affinché la riforma entri in vigore. Una proposta di riforma, quella di cui parliamo, voluta da quasi l’intero Parlamento, in primis dal Movimento Cinquestelle ed, in secundis, dall’ipocrisia di tutto il resto dei partiti del panorama politico esistente, ipocrisia che ha puntualmente accompagnato l’approvazione parlamentare di questa pseudo-riforma.

Si, perché nessuno (pur magari pensandolo) ha avuto il coraggio di reagire, mostrando il proprio dissenso nei confronti di questa proposta di revisione e di opporsi all’incontenibile demagogia pentastellata. Tutt’altro: a questa demagogia iniziale si è risposto con una ancora maggiore demagogia, il silenzio assenso, e così la riforma è stata approvata. Il leitmotiv della riforma è il fantomatico «taglio agli sprechi», di cui – questo bisogna riconoscerlo – i cinquestelle hanno sempre portato il vessillo, anche quando esso era preordinato a riempire un vuoto torricelliano di effettivi contenuti.

Tuttavia, potrebbe obiettarsi che tale referendum sia anche l’occasione ‘ultima’ per i grillini di ritornare alla ribalta e riacquisire consensi: sicché, parrebbe lecito, per poter conseguire una utilità per così dire «privatistica», mortificare la lettera e lo spirito della Costituzione repubblicana ed, in particolar modo, di un suo principio sacrosanto, da ultimo finito nell’oblio di questo paese, quello della democrazia rappresentativa. In effetti, viene immediatamente fatto di chiedersi per quale ragione si dovrebbe votare NO al referendum del 29 marzo se si ha l’occasione di tagliare più di trecento poltrone e trecento indennità parlamentari.

Ebbene, le ragioni sono molteplici e, in particolare, ritengo che siano più pregnanti rispetto ad un risparmio quasi insignificante che se ne trarrebbe (in rapporto all’impatto che detto risparmio avrebbe sul bilancio dello stato) qualora la riforma entrasse in vigore. In primo luogo, la riforma è stata approvata senza aver dapprima programmato e, di riflesso, approvato una seria revisione dei regolamenti parlamentari (ex art. 64 Cost.); una diminuzione tale dei membri del Parlamento provocherebbe un andamento nettamente peggiore delle Commissioni parlamentari, essendo queste numerose (oltre che imprescindibili per un efficace andamento dei lavori delle Camere).

La riforma, inoltre, è stata approvata dal Parlamento senza aver discusso – e, pertanto, senza aver approvato – una riforma elettorale certa con una relativa revisione delle circoscrizioni. Ciò implica, ulteriormente, una pericolosa imprevedibilità dell’impatto della riforma sulla rappresentanza parlamentare: a rimetterci potrebbe essere, con un taglio così significativo, proprio il mezzogiorno, che  rischierebbe di avere una rappresentanza irrisoria ed, al contempo, debole, all’interno dell’istituzione più importante. L’idea dei nostri padri costituenti – che ancora vive – è stata quella di immaginare un «Grande Tempio», il Parlamento, equamente rappresentato senza disparità alcuna fra nord, centro e sud, con la possibilità per gli elettori di votare sia il partito sia il suo rappresentante fisico mediante il voto di preferenza, da tempo abolito a discapito proprio del principio di rappresentanza.

Sarebbe davvero curioso interrogarsi prima, per scoprire poi, il perché ogni forza politica, una volta insediatasi al Governo, dal 1994 ad oggi, è stata puntualmente colpita dalla patologia del revisionismo costituzionale. Si può soltanto affermare che incorreremmo, qualora una riforma di tale portata dovesse essere approvata dal responso popolare del 29 marzo, in un grave pericolo per la nostra democrazia. La politica diverrebbe cosa ben più astratta (come se già non lo fosse), i politici eletti risponderebbero ancor di più soltanto al ‘capo’ di partito trascurando le esigenze delle comunità locali ed, ancora, sarebbe più agevole per il legislatore calpestare i diritti degli ultimi senza incorrere in opposizioni ed ostruzionismi. In sostanza, i candidati da eleggere verrebbero cooptati in sedi extraistituzionali ed il cittadino elettore finirebbe con il non contare assolutamente più nulla.

Risulterà, infine, ancor più agevole il rimettere ulteriormente le mani sulla Costituzione. La quale, tralasciando ora il primato o meno della sua bellezza (anche se qualcuno strada facendo si è letteralmente ed improvvisamente ricreduto), rimane l’ultimo baluardo della nostra libertà, dei nostri diritti, dei nostri valori. Queste modeste riflessioni vogliono essere un’esortazione a tutti i giovani, miei coetanei e chiamati al voto il 29 marzo, a meditare ed a non farsi istintivamente e superficialmente ‘incantare’ dai proclami di demagoghi di professione e da irrilevanti esigenze di risparmio ravvisate da questo Parlamento, di cui abbiamo potuto constatare le lacune tecnico giuridiche in più di un’occasione.

Votiamo NO al Referendum costituzionale del 29 marzo e salviamo la Costituzione! «Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo».

 

Francesco Tomasicchio

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Progetto Udito

Notizie del giorno

Delitto Gomes, la Cassazione rigetta il ricorso della difesa: Lomolino tornerà in carcere quale presunto omicida Biblioteca comunale di Trani, basta allagamenti: stanziati oltre 17mila euro per adeguamento impianti e messa in sicurezza Referendum del 29 marzo, per il Comune di Trani la spesa sarà di 120 mila euro Buoni servizio per la prima infanzia e adolescenza: domande fino al 23 marzo Punti di accesso al reddito di cittadinanza, l'ex assessore Ciliento: «Oggi prende forma un progetto iniziato anni fa» Terra dei fuochi: l'esercito italiano sequestra aree abusive con cumuli di rifiuti. In attività anche i soldati di Trani Comune di Trani, "svolta per l'inclusione attiva": dal 2 marzo aprono i punti d'accesso al reddito di cittadinanza Trani 2020, domenica 8 marzo il M5S presenta il suo candidato sindaco: ci saranno i portavoce alla Camera e al Senato Trani, vico San Basile: la Polizia sequestra coltello lasciato su finestra. I residenti, esasperati dalle molestie, pronti ad un esposto Coronavirus e prevenzione, scuole di Trani chiuse per disinfestazione domani e lunedì Coronavirus, la gestione dell'emergenza nel Tribunale di Trani: udienze a porte chiuse o, in alternativa, accesso limitato Esercito italiano: al via le attività di sorveglianza nella Terra dei fuochi. Ne fanno parte anche i soldati di Trani Reddito di cittadinanza, aprono a Trani e Bisceglie i punti di accesso: presentazione oggi in Comune Scuola digitale: primo premio per gli studenti della Rocca-Bovio-Palumbo Cinema Impero, la programmazione della settimana Jazz & d'intorni: questa sera Simona Molinari in concerto all'Impero Santo Graal, questa sera sul palco Jamiroquai tribute band La Fondazione Aldo Ciccolini ospita la pianista russa Violetta Egorova: appuntamento questa sera Teatro Mimesis, prosegue la stagione di prosa 2019/2020. Questa sera nuovo spettacolo con Adelmo Monachese "Libera nei quartieri", oggi a san Giuseppe l'incontro dal tema "Beni confiscati: dalla mafia alla collettività" Dirigenti scolastici, oggi seminario di formazione e assemblea sindacale a palazzo Discanno Croce bianca: domani il primo incontro su "Protezione civile e primo soccorso" Trani Marathon, domenica prossima la gara di 4km: iscrizioni entro il 27 febbraio Palazzo Beltrani, fino al 1mo marzo la mostra G20 a cura di Isabella Battista "Scrittori nel tempo", il 7 marzo a Luna di sabbia arriva Nicola Ravera Rafele con "Tutto questo tempo" Street workout, l'8 marzo allenamento a ritmo di musica in piazza S. Maria di Colonna Giornata della memoria, al Castello Svevo fino al 26 marzo la mostra "Auschwitz nelle opere degli ex-prigionieri" "I sapori delle emozioni", fino a marzo l'Age organizza laboratori per gli studenti della Petronelli e Aldo Moro È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Il ritorno» Coronavirus, test positivi per moglie e fratello del paziente di Torricella. Continua incessante l'attività di screening in Puglia Coronavirus, Emiliano sulla gestione del primo caso in Puglia: «Nato da un corto circuito sulle comunicazioni, ma situazione sotto controllo» Coronavirus, misure di controllo sugli accessi negli ospedali della provincia Coronavirus, il vescovo di Trani invita alla preghiera e confida nell'operato delle istituzioni Raccolta differenziata porta a porta in tutta Trani, si parte domenica 5 luglio Trani religiosa, Sacre ceneri: la celebrazione del vescovo in cattedrale Fondo povertà, domani la presentazione dei nuovi punti di accesso a Trani e Bisceglie per Rdc, Red e Puc Il podista Luca Naso anche a Trani: continua la sua impresa "correre ai confini"
PUBBLICITA' Avicola Colangelo