Sanità pubblica nell'emergenza Covid-19, Spi Cgil Bat: «Momento drammatico da cui imparare»

Un nuovo welfare pubblico, una migliore riorganizzazione del sistema sanitario nazionale pubblico e privato ma anche universale e inclusivo, in grado cioè di dare delle risposte al grande tema dell’invecchiamento della popolazione. Il segretario generale dello Spi Cgil
Bat, Felice Pelagio, spiega da dove ripartire dopo la fase più critica dell’emergenza sanitaria, un momento drammatico da cui imparare perché ha colti tutti “impreparati”.

Nessuno conosceva bene gli effetti e conseguenze devastanti della diffusione del coronavirus, che hanno inciso sulla vita sociale ed economica del Paese e sulla salute pubblica. “Stiamo lentamente riprendendo il nostro vivere quotidiano, verso una vita che sembra normale. Finalmente, dopo l’apparente calo dei contagi, di cui tutto sommato sembra che i numeri del Covid-19 stiano rientrando nell’alveo della normalità, dobbiamo cominciare a pensare su come meglio organizzarci, a partire proprio da quel Sistema Sanitario pubblico e privato accreditato e dalle sue relative strutture i cui fari sono stati accesi per oltre tre mesi evidenziando perplessità e difficoltà”.

Per Pelagio c’è la necessità di “una sanità pubblica, con relativi servizi socio sanitari e socio assistenziali, più attenta e capace nel dare risposte efficaci a bisogni individuali e collettivi, ottimizzando tutta l’esperienza che ci hanno visto, purtroppo, anche se da casa, spettatori e nel contempo testimoni delle tante morti silenziose di anziani/e, pensionati/e, che oggi non ci sono più. Una strage silenziosa, un momento drammatico da cui è emersa, in modo esponenziale durante i primi mesi dell’emergenza, l’assenza di una politica sanitaria e assistenziale, in cui si tentava di reagire correndo ai ripari attraverso l’improvvisazione e il fai da te, in cui spessissime volte si intravedevano ritardi in tutto il Sistema Sanitario”.

“Siamo convinti che serva ripensare ad una nuova progettualità, una rivisitazione a partire da una maggiore attenzione proprio alla terza età e dalle criticità emerse in alcuni luoghi sanitari, di prevenzione ma anche della rete ospedaliera. Rsa e Rssa che sono diventati
purtroppo focolai di diffusione del virus, in cui la politica non poteva che prenderne atto di una esperienza che negli ultimi anni ha fatto solo tagli soprattutto nella sanità pubblica.

Nella Bat, dunque, insistiamo nel sollecitare le Istituzioni, a partire dalla Asl, a rivedere e prevedere percorsi, investendo maggiori risorse negli ospedali di Andria, Barletta e Bisceglie e riqualificando quelle strutture che sono state oggetto di dismissioni e poi
riconvertite, come Trani, Canosa, Minervino e Spinazzola, comunità caratterizzate da un’utenza sempre più anziana e che necessita di servizi territoriali adeguati alle necessità della popolazione: i dati Istat riportano che su 140 anziani ci sono 100 giovani”.

Nel 2019 il 66,6% della popolazione è compresa fra i 15 e 64 anni, mentre gli ultra 70enni sono circa il 20 %. Dati che spiegano bene la presenza degli anziani/e nella Bat. In alcune realtà gli anziani rappresentano la maggioranza della popolazione e se non si garantiscono
servizi sanitari e socio sanitari adeguati, c’è il rischio che la stessa comunità si riduca drasticamente. “E’ un pericolo pensare di poter lasciare questa fascia di popolazione al proprio destino, se non vi è un potenziamento dei servizi di medicina territoriale e di
domiciliarità, che possano garantire e favorire un buon invecchiamento sociale. Gli ingenti investimenti previsti sul nostro futuro dovranno significare maggiore sicurezza e welfare, salvaguardando così le fasce più povere della popolazione e loro famiglie; questo potrebbe comportare meno sofferenza delle persone.

Adesso non resta che impegnarci sulla ripresa o come dice qualcuno, al ‘rilancio’, rafforzando le tante attività economiche e i servizi, che vanno rivisitati eliminando inefficienze e inadempienze con l’obiettivo di contribuire a migliore la nostra vita pubblica e privata ma anche il sistema e le tutele sociali, le cui ricadute hanno messo a nudo le tante fragilità degli anziani, dei non autosufficienti, indigenti, oltre ai livelli di prestazione medica, infermieristica e delle tante altre figure professionali indispensabili e competenti in materia sanitaria e assistenziali”, conclude Felice Pelagio, segretario generale Spi Cgil Bat.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Woodcenter

Notizie del giorno

Trani, l'ex strettoia chiama e Villa Telesio risponde: nei prossimi giorni riapre anche il giardino, bonificato da Amiu Trani 2020, Palumbo presenterebbe la giunta solo dopo il voto. «E, se non sarò eletto, farò ugualmente il consigliere» «Ferrovia troppo vicina, corsia di emergenza insufficiente e periferia ingiustamente abbandonata»: Trani 2020, Laurora stronca il mercato in via Falcone Sly Trani, un’altra conferma: è ufficiale il rinnovo di Pietro Zotti. Raduno il 10 agosto al Comunale, ritiro dal 16 al 28 agosto a Campitello Matese Leo Ragno, il calciatore tipster che non sbaglia mai: con i suoi consigli per gli scommettitori Trani fa un figurone su Sportitalia È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ruderi» Trani 2020, Palumbo contro i cambi di casacca: «Chi non vorrà più stare con noi vada a casa. E mi auguro che il vincolo di mandato diventi legge» Pini secolari a rischio schianto lungo i binari: Rfi ne taglia due all'uscita della stazione di Trani Beni condivisi: definita la convenzione tra comune e la Tommaso Assi per la gestione del campo incolto di via Tolomeo Mercato anche in via Borsellino, i comitati di zona si riuniscono e stilano una serie di proposte su viabilità, sicurezza, igiene e arredo urbano Provincia Bat: i sindacati chiedono la ripresa della rete del lavoro agricolo di qualità Trani, domani la riapertura di via Pozzo piano Piano emergenza caldo al via da domani al 31 agosto: tra i servizi, sorveglianza attiva delle persone sole Al Santo Graal continua la musica live: oggi sul palco la tribute band di Lucio Battisti "Il Mediterraneo e la sua luce", Athos Faccincani fino al 28 luglio all'infopoint turistico di piazza Trieste Trani religiosa, solennità della madonna del Carmine: il programma delle celebrazioni I lavori di ristrutturazione non fermano la biblioteca comunale di Trani: attività itineranti all'aperto e su Facebook "Benvenuti a Trani", venerdì prossimo i librai Enzo Covelli ed Elisa Mantoni presentano la guida turistica dedicata ai bambini Fondazione Seca, la corte del Polo Museale accoglie il dipinto del XIV secolo su san Nicola Pellegrino "San Nicola in Rime", al via il quarto concorso di poesia in vernacolo. Opere da inviare entro il 18 luglio PUBBLIREDAZIONALE: Bigmat Edidforniture presenta Bybrico: il fai da te non è mai stato così semplice Trani, si ottura la fogna a Pozzo piano: liquami, cattivo odore e disagi in corso Sturzo È successo ancora: bus incastrato a Trani centro e traffico in tilt già a prima mattina Trani 2020, il candidato sindaco Palumbo presenta la sua candidatura: «Ripartiamo dal rilancio economico, abbiamo una squadra di tecnici pronta al post-Covid» «Si vola», il sindaco di Trani incontra lo staff del primo tour operator fondato da Travel blogger Bollettino Coronavirus, oggi quattro casi in Puglia: tre in provincia di Lecce e uno nel barese Feste patronali, il vescovo spegne gli entusiasmi: «Non ci sono nuove disposizioni della Cei, al momento resta tutto com'è» Emergenza Covid-19, aiuti economici per le famiglie in difficoltà: per la nostra diocesi stanziati oltre 700mila euro Sentenza Savasta ed altri, il Foro di Trani: «Comportamenti illeciti di qualcuno, non si generalizzi sul Tribunale» Parità di genere nella legge elettorale regionale: la giunta approva lo schema del disegno di legge
PUBBLICITA' AMIU