Consiglio comunale di Trani, approvato il Regolamento per la tutela degli animali. Merra, felice, scoppia in lacrime. E i debiti fuori bilancio portano il doppio gettone

Il consiglio comunale ha approvato il Regolamento per la tutela degli animali. Obiettivo, «favorire la corretta convivenza fra uomo e animali e tutelare la salute pubblica e l'ambiente». Ed ancora, il regolamento «promuove, sostiene e incentiva iniziative e interventi rivolti alla conservazione degli ecosistemi e degli equilibri ecologici che interessano le popolazioni animali».

Il Comune individua nella tutela degli animali «uno strumento finalizzato al rispetto e alla tolleranza verso tutti gli esseri viventi e, in particolare, verso le specie più deboli. L'ente opera affinché sia promosso nel sistema educativo dell'intera popolazione, e soprattutto in quello rivolto all'infanzia e ai giovani, il rispetto degli animali e il principio della corretta convivenza con essi».

Per lo svolgimento delle proprie attività di controllo, l’amministrazione opererà in stretta collaborazione con le autorità sanitarie, la Polizia Locale e le Guardie Zoofile presenti sul territorio. Per la realizzazione dei propri programmi collabora, oltre che con le altre strutture comunali, con la Consulta comunale per i diritti degli animali, le associazioni animaliste, i servizi veterinari della Asl, l'Ordine provinciale dei medici veterinari, le istituzioni provinciali e regionali, le università e l'Istituto zooprofilattico.

A proporre il provvedimento è stato l'assessore all'ambiente, Michele di Gregorio, che ha anticipato la presentazione di un emendamento proposto da alcuni consiglieri e posto in risalto «la condivisione che vi è stata nelle commissioni prima di arrivare in consiglio comunale».

Criticità ha espresso Maria Grazia Cinquepalmi, per la quale «troppi passaggi sono generici e incompleti. Fra gli altri, ci si dimentica di conferire poteri di polizia giudiziaria alle guardie zoofile». E ha posto in risalto «le troppe spese veterinarie, scarsamente documentate, su randagi feriti per strada».

«Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno collaborato e dato il loro prezioso contributo alla stesura del testo rendendone possibile oggi l’adozione - ha detto il consigliere delegato uscente, Raffaella Merra, non nascondendo le lacrime -. Esprimo soddisfazione per quello che considero un importante traguardo per la città di Trani. Era il 2016 quando presentai la proposta di deliberazione consiliare all'assessore di Gregorio per dotare Trani di questo regolamento, uno strumento indispensabile per promuovere il rispetto verso tutti gli esseri viventi ed, in particolare, le specie più deboli. Un regolamento che prende spunto da un progetto dell’Anci e della Federazione italiana associazioni diritti animali e ambiente che ne hanno promosso e stimolato l’adozione da parte dei comuni italiani. Si tratta di un testo che, sono certa, migliorerà la qualità della vita di tutti, sia dei proprietari di animali sia di ogni cittadino. E per la prima volta ci si occupa di tutti gli animali, dal gatto all’iguana, non solo cani e gatti, quindi, ma anche pesci, uccelli, insetti, anfibi ed animali esotici potranno avere norme chiare e precise per la salvaguardia della loro incolumità, riconoscendo loro la dignità di esseri viventi. È un segnale giusto per tutti i nostri amici a quattro zampe che allietano con la loro presenza le nostre giornate, regalandoci amore e fedeltà.Vista l’importanza del tema ho allargato con piacere la mia proposta di regolamento alle forze di opposizione e con la quarta commissione, facendo in modo che ne uscisse un atto partecipato e condiviso da tutti, integrato con le proposte e le modifiche suggerite dagli stessi».

Pasquale De Toma si è fatto carico di un emendamento proposto da numerosi consiglieri, di maggioranza e minoranza, fondato sul rispetto di norme contenute nell'apposita legge regionale. E che prevede l'istituzione di un ufficio di tutela degli animali che preveda la presenza di un esponente di ogni associazione animalista presente sul territorio. Previsto, inoltre, un pronto soccorso degli animali di competenza del Comune.

L'emendamento è stato approvato con 23 voti favorevoli. Stessa votazione per il provvedimento emendato.

***

Il consiglio comunale si è chiuso con l'approvazione di sei debiti fuori bilancio, per complessivi 71mila euro, approvati con una base fra 16 e 18 voti favorevoli. La seduta, anche grazie ad una momentanea mancanza del numero legale, che ne ha reso necessaria una sospensione di circa 10 minuti, si è conclusa alle 0.16 del giorno successivo, vale a dire oggi, determinado - salvo smentite - il secondo gettone per i presenti.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' AMIU

Notizie del giorno

È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Ruderi» Trani 2020, Palumbo contro i cambi di casacca: «Chi non vorrà più stare con noi vada a casa. E mi auguro che il vincolo di mandato diventi legge» Pini secolari a rischio schianto lungo i binari: Rfi ne taglia due all'uscita della stazione di Trani Beni condivisi: definita la convenzione tra comune e la Tommaso Assi per la gestione del campo incolto di via Tolomeo Mercato anche in via Borsellino, i comitati di zona si riuniscono e stilano una serie di proposte su viabilità, sicurezza, igiene e arredo urbano Provincia Bat: i sindacati chiedono la ripresa della rete del lavoro agricolo di qualità Trani, domani la riapertura di via Pozzo piano Piano emergenza caldo al via da domani al 31 agosto: tra i servizi, sorveglianza attiva delle persone sole Al Santo Graal continua la musica live: oggi sul palco la tribute band di Lucio Battisti "Il Mediterraneo e la sua luce", Athos Faccincani fino al 28 luglio all'infopoint turistico di piazza Trieste Trani religiosa, solennità della madonna del Carmine: il programma delle celebrazioni I lavori di ristrutturazione non fermano la biblioteca comunale di Trani: attività itineranti all'aperto e su Facebook "Benvenuti a Trani", venerdì prossimo i librai Enzo Covelli ed Elisa Mantoni presentano la guida turistica dedicata ai bambini Fondazione Seca, la corte del Polo Museale accoglie il dipinto del XIV secolo su san Nicola Pellegrino "San Nicola in Rime", al via il quarto concorso di poesia in vernacolo. Opere da inviare entro il 18 luglio PUBBLIREDAZIONALE: Bigmat Edidforniture presenta Bybrico: il fai da te non è mai stato così semplice Trani, si ottura la fogna a Pozzo piano: liquami, cattivo odore e disagi in corso Sturzo È successo ancora: bus incastrato a Trani centro e traffico in tilt già a prima mattina Trani 2020, il candidato sindaco Palumbo presenta la sua candidatura: «Ripartiamo dal rilancio economico, abbiamo una squadra di tecnici pronta al post-Covid» «Si vola», il sindaco di Trani incontra lo staff del primo tour operator fondato da Travel blogger Bollettino Coronavirus, oggi quattro casi in Puglia: tre in provincia di Lecce e uno nel barese Feste patronali, il vescovo spegne gli entusiasmi: «Non ci sono nuove disposizioni della Cei, al momento resta tutto com'è» Emergenza Covid-19, aiuti economici per le famiglie in difficoltà: per la nostra diocesi stanziati oltre 700mila euro Sentenza Savasta ed altri, il Foro di Trani: «Comportamenti illeciti di qualcuno, non si generalizzi sul Tribunale» Parità di genere nella legge elettorale regionale: la giunta approva lo schema del disegno di legge
PUBBLICITA' Scarpa Piscine