Tremila euro dal Comune di Trani per un gatto, Merra replica alle accuse e rivela il referto: «Era in fin di vita, ecco cosa si è fatto per salvarlo»

Tremila euro per curare un gatto moribondo. Diversi consiglieri comunali hanno preso al balzo l’occasione per sparare a zero contro il Comune, colpevole, evidentemente a loro giudizio, di aver salvato un animale di affezione così come prevede la legge.

La cosa più grave (ma è una costante a cui purtroppo ci stiamo abituando) è l’uso subdolo della rete per veicolare giudizi e mettere in circolo insinuazioni quando sarebbe bastato consultare le carte per comprendere in modo chiaro ed inequivocabile il perché di quella somma.

Il gatto diventato celebre grazie ad alcuni consiglieri poco inclini a verificare i provvedimenti (sebbene ne abbiano la possibilità) è stato soccorso a febbraio scorso a seguito di un investimento.

Gli è stato applicato un sondino naso gastrico, gli è stata ridotta una frattura alla mandibola, una malformazione del palato, è stato sottoposto a tre radiografie ed è stato ricoverato per ben 43 giorni a seguito dell’incidente e delle successive cure che ne hanno evitato il decesso (è stato rivenuto con un grave sanguinamento dal condotto uditivo).

Cartelle cliniche, analisi e radiografie eseguite possono essere visionati presso lo studio veterinario intervenuto, non uno scelto da chissà chi, ma individuato dal Comune mediante istituzione di un albo dei medici veterinari per il servizio di primo soccorso da eseguirsi sui cani e gatti randagi incidentati e/o feriti e rinvenuti sul territorio comunale.

Sono consapevole del fatto che, anche a fronte di questa spiegazione, c’è chi continuerà a sostenere che i costi dell’intervento siano uno sproposito. A loro chiedo: che avrebbe dovuto fare il Comune? Rifiutarsi di salvare un gatto e farlo morire in barba a legge regionali, a sentenze della Corte di Cassazione e in barba alla convenzione europea per la protezione degli animali di compagnia?

L’episodio, per altro, non è il primo e non sarà l’ultimo. Già da diversi giorni è ricoverato in una struttura un cane con una frattura del bacino. Ed anche in questo caso i preventivi lasciano poco spazio alla fantasia. Finiamola dunque di fare campagna elettorale sul nulla, di far supporre come discrezionali degli interventi nei confronti degli animali omettendo di precisare che la normativa nazionale e regionale in tema di randagismo impone degli obblighi ben precisi a carico delle amministrazioni comunali, che nel momento in cui ricevono una segnalazione relativa a un randagio in cattive condizioni di salute sono tenute a intervenire ed a garantire le cure necessarie. Anche se costose.

Raffaella Merra (consigliere comunale)

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Sinedi

Notizie del giorno

Trani soccorso in uno stabile di via Almirante: per penetrare in casa serve l'autoscala dei vigili del fuoco La Puglia, benessere contagioso: undici città, tra cui Trani, nello spot di "Music platform" Bob Sinclair stregato dai "Dual Beat": l'etichetta del dj francese pubblica un brano del tranese Roberto Lopez e del barese Antony Fennel Al Santo Graal torna la musica live: tanti eventi già da questo mese. Si comincia venerdì 10 con l'omaggio a Lucio Dalla Sly Trani, il nuovo innesto è in difesa: confermato il centrale spagnolo Miguel Altares Elezioni 2020, Maria Grazia Cinquepalmi annuncia la sua candidatura alle regionali con "Italia in comune" Regionali 2020: da Trani corrono anche Santorsola, Ferrante e Lima. E i candidati sindaco resteranno cinque Nenna (La Trani che vogliamo): «Non è con i proclami che si raggiungono le mete» Costruire il futuro, la Fortitudo presenta la sua nuova casa in contrada Fontanelle. Il presidente Basile: «È un investimento per tutti» Palazzo Beltrani, continua "Jazz a corte": prossimo appuntamento oggii con un un omaggio al dixieland Teatro dei burattini in piazza della Repubblica, oggi gli ultimi appuntamenti "Benvenuti a Trani", il 17 luglio i librai Enzo Covelli ed Elisa Mantoni presentano la guida turistica dedicata ai bambini Fondazione Seca, la corte del Polo Museale accoglie il dipinto del XIV secolo su san Nicola Pellegrino I lavori di ristrutturazione non fermano la biblioteca comunale di Trani: attività itineranti all'aperto e su Facebook Legambiente Trani, al via il progetto "Mare d'inverno" sulla tutela del mare e dell'ambiente: si comincia il 30 giugno "San Nicola in Rime", al via il quarto concorso di poesia in vernacolo. Opere da inviare entro il 18 luglio È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Arriva» Bollettino Coronavirus, ancora tre contagi in Puglia: uno è nella nostra provincia Transazione con «sconto» al ristorante, gli indagati della Procura di Trani diventano nove Transazione con «sconto» al ristorante, il legale della società: «Strana discrasia negli atti degli Uffici giudiziari di Trani» Trani, scarico abusivo in mare da villa privata: multa da 60mila euro e segnalazione all'Autorità per il responsabile Amiu Trani, approvato il bilancio 2019: utile di 125mila euro, massima soddisfazione di Bottaro e Nacci Aree incolte a rischio incendio, i cittadini lamentano alcune bonifiche non effettuate: «Rischio incendi di terreni sia in zona nord che in zona sud» Asl Bat, accesso controllato dei visitatori alle strutture ospedaliere e territoriali Trani è la città della Bat dove si scommette di più: nel 2019 spesi 23 milioni, giocati 105 e vinti 82. Videolottery e slot machine i sistemi maggiormente usati Stazione ferroviaria, sopralluogo per il recupero del primo tronco dei binari. Allo studio un percorso ciclabile e pedonale Trani, riparato il telefono pubblico del corso e Tim conferma: «Era stato vandalizzatato» Trani, presentato il garante dei detenuti. Elisabetta De Robertis: «Sarà importante l'azione sinergica con il territorio»
PUBBLICITA' Sinedi