Oggi è la giornata mondiale del migrante e del rifugiato: la riflessione del direttore dell'fficio diocesano Migrantes

Oggi, Domenica 27 settembre 2020, si celebra la giornata del migrante e del rifugiato nella sua 106^ edizione. Il tema scelto dal Santo Padre è “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire”Di seguito una riflessione di Riccardo Garbetta, direttore dell’Ufficio diocesano Migrantes.

 «Suona strano, in questo lunghissimo periodo di precarietà che viviamo, dover parlare di cambiamenti climatici, carestie, inondazioni che mettono in ginocchio intere popolazioni in svariate parti del nostro meraviglioso pianeta, quando il nostro unico pensiero è la pandemia legata al covid 19.

Eppure, per riflettere sui motivi della mobilità umana, il santo Padre ha voluto ricordare, nel suo messaggio per la 106ª Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, l’importanza che il degrado e il deteriorarsi degli equilibri naturali riveste nella mobilità di intere etnie all’interno degli stessi Paesi di appartenenza o, al più, entro i confini degli stessi continenti.

La storia della dinastia davidica inizia proprio con una migrazione per carestia, quando Noemi e suo marito Elimèlech lasciano Betlemme per divenire migranti nella terra dei moabiti.

Se l’atteggiamento dei moabiti fosse stato sulla falsariga di quello che noi abbiamo verso i migranti…forse sarebbe stata un’altra storia.

La sola Africa, con poco più di un miliardo di abitanti, ha al suo interno oltre 21 milioni di persone che migrano nello stesso continente a causa di siccità o calamità naturali, che rendono la loro stessa sopravvivenza molto problematica.

Ci siamo ritrovati a voler arginare un flusso di migranti provenienti dal nord Africa, sentendoci “invasi” da chissà quali portatori di covid 19, vivendo per altro, le stesse fragilità che accompagnano i migranti provenienti da ogni luogo del pianeta, ignorando la stragrande schiera di profughi in marcia dinanzi ad inondazioni, pestilenze.

Ma, riprendendo l’esortazione del santo Padre nel suo messaggio, occorre fare un piccolo passo verso la conoscenza di coloro che fanno parte della mobilità umana; conoscere per comprendere le dinamiche che spingono persone ad intraprendere cammini che somigliano troppo all’esodo compiuto dalla famiglia di Nazareth, in fuga dal pericolo di una persecuzione nella sua terra.

È oltremodo importante, in questo nuovo modo di vivere la precarietà nata dalla pandemia, farsi prossimo di coloro che, oltre a dover fare i conti con carestie, alluvioni, cambiamenti del clima, persecuzioni razziali, devono anche trovare la forza per poter ricominciare a vivere in una parvenza di dignità. E il nostro servire potrà rendere meno doloroso il distacco da quei beni che ogni uomo crea attraverso le relazioni e che, necessariamente, deve interrompere nel suo migrare.

Lo scorso 10 aprile, venerdì di Passione e morte di nostro Signore Gesù Cristo, tutti ci siamo ritrovati in quel silenzio assurdo, vissuto in piazza san Pietro; in quel silenzio siamo stati invitati ad ascoltare le uniche voci che si alzavano, voci di tutti i poveri, i migranti del pianeta che incarnavano il Servo Sofferente e Offerente sulla Croce. La strada che porta a riconciliarci con quell’amore senza confini che passa da una morte ignobile e giunge alla risurrezione passa necessariamente dall’ascolto del grido dell’uomo migrante, che chiede solo di ritornare a far parte di quel Creato che tutti noi stiamo contribuendo ad imbruttire.

E cresceremo nella fiducia nell’amore di Dio solo se riusciremo a condividerlo quell’amore, scevri da quelle ideologie politiche che ci allontanano dalla bellezza di essere un cuor solo in una sola Chiesa, in un mondo che è di tutti.

Lasciamoci coinvolgere dalla bellezza delle diversità, dall’armonia che ogni cultura ha in sé solo per poterla condividere, per promuovere una vera civiltà dell’amore.

Se realmente vogliamo rallentare e finalmente fermare il degrado che spinge moltitudini di persone a cercare nuove strade per poter ritornare a vivere con dignità, dobbiamo imparare, o meglio riscoprire il termine “collaborare”. Collaborare a rendere noi stessi degni di chiamarci uomini e donne che sanno come ritornare a partecipare alla costruzione del Regno di Dio già ora, qui, mentre facciamo i conti con le nostre paure ancestrali che ci vedono combattere ad armi impari contro un nemico molto più infido dello stesso covid 19: la durezza del cuore!».

 

Riccardo Garbetta, Direttore Ufficio diocesano Migrantes

 

 

CONDIVIDI
PUBBLICITA' AMIU

Notizie del giorno

Trani, doppio incidente in via delle Forze armate: investiti prima una volpe e poi un pedone Ancora un positivo, la Baldassarre resta chiusa anche questo sabato. Un caso pure nella squadra calcistica Città di Trani È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «La corsa» Bollettino Coronavirus, ancora alto il numero dei contagi: 590 positivi, 58 nella Bat. Un decesso nel tarantino Trani, in via Di Vittorio tutti in coda per un tampone: ecco come funziona Coronavirus, Bottaro a Radio Bombo: «Seconda ondata più pericolosa della prima fase. Controlli a tappeto per la sera di Halloween» Trani, operatore scolastico positivo: chiude per un giorno la scuola media Baldassarre Vaccini anti-influenzali: avviata la distribuzione ai medici e ai pediatri in tutte le province pugliesi Coronavirus, occhi puntati sulle attività sportive. Due insegnanti di Trani: «Lo sport è salute, non inculcare nei bambini la paura» Coronavirus, occhi puntati sulle palestre. Due personal trainer di Trani: «Lavoriamo in luoghi sicuri, i posti pericolosi sono altri» Carcere di Trani, chiude la Sezione blu e apre il nuovo padiglione. Verso il trasferimento la casa di reclusione femminile Elezioni 2020, la soddisfazione di Solo con Trani futura sul risultato elettorale: «Ora lavoriamo per essere un riferimento credibile» Equipe multidisciplinare nelle cure mediche di base, Gesualdo (Psicologi Puglia): «Così siamo dalla parte dei cittadini» Santo Graal, doppio appuntamento per Igor Minerva: il tributo a Claudio Baglioni anche domenica a pranzo Bollettino Coronavirus, impennata di contagi in Puglia: 485 casi positivi, 53 nella Bat Regione Puglia, da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi delle scuole superiori Giunta regionale, via libera ai tamponi a pagamento nei laboratori privati: tra questi c'è anche uno di Trani Porta a porta in città, il comitato del no bacchetta Comune e Amiu: «Non scaricare sulle ditte esterne le colpe dei disservizi» Pubblicato il trailer del film con Sophia Loren girato anche a Trani: dal 13 novembre disponibile su Netflix "RadiofonicaMente Diversa", parte il progetto di formazione su radio e comunicazione per l'integrazione dei soggetti disabili Nasce a Trani "Radio Staffetta", il progetto promosso da Legambiente: un contenitore culturale per i giovani del territorio "Il buono della ricerca": sabato e domenica la fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per una raccolta fondi Apulia Trani, nuovo rinforzo in attacco: presa l'islandese Tinna Bjarkar Jónsdóttir Aumentano i ricoverati nel Covid Hospital di Bisceglie: sono 39 (di cui 6 in terapia intensiva) rispetto agli 11 di fine settembre. Delle Donne: «I dati non sono tranquillizzanti» Prefettura: controlli stringenti sulle aree della movida, sindaci già al lavoro per evitare la notevole affluenza nei cimiteri il 2 novembre Porta a porta in città, dal Comune: «Le criticità di questi primi giorni non sono ascrivibili ad Amiu. Il servizio di ritiro prosegue» Emergenza Covid, da Santorsola proposte per potenziare il Pta di Trani: «Si utilizzi per quelle patologie che non necessitano di ricovero» Quartiere Sant'Angelo, il Comune di Trani candida a finanziamento un piccolo palazzetto in via Giachetti: obiettivo, portare a casa 700mila euro Trani, quartiere Sant'Angelo, avanzano i lavori del parco campo scuola di via Andria Gli Amici del mare in azione per la pulizia del litorale: recuperati pneumatici e reti, riempiti 40 bustoni di rifiuti Palazzo Beltrani, oggi si presenta il Sonic Scene
PUBBLICITA' Incos