Scuola e Coronavirus: gli indirizzi della Regione per la gestione di casi e focolai per una ripresa sicura

Una nota a firma del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e del direttore del Dipartimento Promozione della Salute, Vito Montanaro ha fissato gli indirizzi operativi per la gestione di casi e focolai nelle scuole e università pugliesi durante l’emergenza sanitaria Covid 19. “Vogliamo mettere a sistema le responsabilità in questo settore e dare una mano a scuole e università per una ripartenza delle attività senza rischi”, ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

 “La riapertura delle scuole - ha spiegato il direttore del dipartimento Politiche della Salute, Vito Montanaro - è un tema che fa rialzare il livello di allerta, perché pur  avendo organizzato al meglio i percorsi e le modalità di frequenza degli alunni, con i cicli di ingresso, permanenza e uscita, quello che preoccupa sono i trasporti pubblici per arrivare a scuola e gli assembramenti davanti alle scuole, all’ingresso e all’uscita”.

 “Occorre senso di responsabilità da parte di tutti – ha precisato il prof. Pier Luigi Lopalco – utilizzando la mascherina, igienizzando le mani, mantenendo le distanze interpersonali e rimanendo a casa con la febbre. Rispettando queste semplici regole si potrà vivere normalmente e andare a scuola in sicurezza”.

“Le misure generali di prevenzione e di protezione dal CoVID-19 – si legge nel documento - già individuate nei documenti di indirizzi nazionali e regionali descrivono anche i comportamenti da tenere per la “prevenzione primaria” dell’infezione da SARS-CoV-2, atti cioè a ridurre l’esposizione al virus. Tali misure devono essere osservate con particolare rigore nell’ambito delle attività scolastiche, universitarie e formative: a) il distanziamento di sicurezza, mantenendo la distanza interpersonale non inferiore al metro, evitando il rischio di aggregazione e affollamento; b) la rigorosa igiene delle mani, personale e degli ambienti; c) l’adeguata e frequente pulizia ed igienizzazione degli ambienti e delle superfici nonché l’adeguata aerazione degli ambienti; d) l’effettiva possibilità di utilizzare in modo continuativo ed appropriato la mascherina da parte di tutti i soggetti (alunni, discenti, personale ATA, docenti, familiari, etc.); e) la disponibilità di una efficace informazione e comunicazione; f) la capacità di controllo e risposta dei servizi sanitari della sanità pubblica territoriale e ospedaliera; g) la capacità di promuovere, monitorare e controllare l’adozione delle misure, definendo i ruoli di ciascuno dei soggetti coinvolti. L’attenzione alle misure generali di prevenzione e protezione rappresenta, come ampiamente dimostrato, la migliore strategia per attenuare i rischi di contagio virale (stagionale e COVID-19) insieme all’adesione massiccia alla campagna di vaccinazione antinfluenzale 2020-2021 in via di attivazione da parte delle strutture del Servizio Sanitario Regionale. Deve essere rimarcata con ogni forma e mezzo la prescrizione, per gli alunni e il personale scolastico e universitario, di rimanere presso il proprio domicilio, contattando il proprio pediatra di libera scelta o medico di famiglia, in caso di sintomatologia e/o temperatura corporea superiore a 37,5°C.

Si ricorda che, al solo fine dell’attivazione delle misure di prevenzione, di protezione e per l’attivazione del pediatra di libera scelta o del medico di famiglia o dei medici USCA, i sintomi più comuni di COVID-19 (fonte: ECDC, 31 luglio 2020) sono:  • nei bambini: febbre, tosse, cefalea, sintomi gastrointestinali (nausea/vomito, diarrea), faringodinia (dolore localizzato nella faringe), dispnea (respirazione difficoltosa), mialgie (dolore localizzato in uno o in più muscoli), rinorrea/congestione nasale;  • nella popolazione in generale: febbre, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita improvvisa dell’olfatto (anosmia) o diminuzione dell’olfatto (iposmia), perdita del gusto (ageusia) o alterazione del gusto (disgeusia), rinorrea/congestione nasale, faringodinia (dolore localizzato nella faringe), diarrea. Tali sintomi sono sottoposti alla valutazione del medico per la determinazione delle azioni e delle misure da adottare e non costituiscono motivo per la richiesta di esecuzione del test diagnostico”.

La disposizione regola anche l’attività dei referenti covid nelle scuole, università e dipartimenti di prevenzione, i test diagnostici, la richiesta di esecuzione di test, la distribuzione dei test, gli elenchi degli alunni e operatori sanitari, la gestione delle positività e dei rientri in comunità, il monitoraggio di operatori e studenti fragili.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' bybryco

Notizie del giorno

Trani, in via Di Vittorio tutti in coda per un tampone: ecco come funziona Coronavirus, Bottaro a Radio Bombo: «Seconda ondata più pericolosa della prima fase. Controlli a tappeto per la sera di Halloween» Trani, operatore scolastico positivo: chiude per un giorno la scuola media Baldassarre Coronavirus, occhi puntati sulle attività sportive. Due insegnanti di Trani: «Lo sport è salute, non inculcare nei bambini la paura» Coronavirus, occhi puntati sulle palestre. Due personal trainer di Trani: «Lavoriamo in luoghi sicuri, i posti pericolosi sono altri» Vaccini anti-influenzali: avviata la distribuzione ai medici e ai pediatri in tutte le province pugliesi Carcere di Trani, chiude la Sezione blu e apre il nuovo padiglione. Verso il trasferimento la casa di reclusione femminile Elezioni 2020, la soddisfazione di Solo con Trani futura sul risultato elettorale: «Ora lavoriamo per essere un riferimento credibile» Equipe multidisciplinare nelle cure mediche di base, Gesualdo (Psicologi Puglia): «Così siamo dalla parte dei cittadini» Santo Graal, doppio appuntamento per Igor Minerva: il tributo a Claudio Baglioni anche domenica a pranzo Bollettino Coronavirus, impennata di contagi in Puglia: 485 casi positivi, 53 nella Bat Regione Puglia, da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi delle scuole superiori Giunta regionale, via libera ai tamponi a pagamento nei laboratori privati: tra questi c'è anche uno di Trani Porta a porta in città, il comitato del no bacchetta Comune e Amiu: «Non scaricare sulle ditte esterne le colpe dei disservizi» Pubblicato il trailer del film con Sophia Loren girato anche a Trani: dal 13 novembre disponibile su Netflix "RadiofonicaMente Diversa", parte il progetto di formazione su radio e comunicazione per l'integrazione dei soggetti disabili Nasce a Trani "Radio Staffetta", il progetto promosso da Legambiente: un contenitore culturale per i giovani del territorio "Il buono della ricerca": sabato e domenica la fondazione Umberto Veronesi scende in piazza per una raccolta fondi Apulia Trani, nuovo rinforzo in attacco: presa l'islandese Tinna Bjarkar Jónsdóttir Aumentano i ricoverati nel Covid Hospital di Bisceglie: sono 39 (di cui 6 in terapia intensiva) rispetto agli 11 di fine settembre. Delle Donne: «I dati non sono tranquillizzanti» Prefettura: controlli stringenti sulle aree della movida, sindaci già al lavoro per evitare la notevole affluenza nei cimiteri il 2 novembre Porta a porta in città, dal Comune: «Le criticità di questi primi giorni non sono ascrivibili ad Amiu. Il servizio di ritiro prosegue» Emergenza Covid, da Santorsola proposte per potenziare il Pta di Trani: «Si utilizzi per quelle patologie che non necessitano di ricovero» Quartiere Sant'Angelo, il Comune di Trani candida a finanziamento un piccolo palazzetto in via Giachetti: obiettivo, portare a casa 700mila euro Trani, quartiere Sant'Angelo, avanzano i lavori del parco campo scuola di via Andria Gli Amici del mare in azione per la pulizia del litorale: recuperati pneumatici e reti, riempiti 40 bustoni di rifiuti Palazzo Beltrani, oggi si presenta il Sonic Scene
PUBBLICITA' AMIU